TwitterFacebookGoogle+

Italiani rapiti in Libia: Alfano"Nessuna trattativa con scafisti"

(AGI) – Roma, 22 lug. – Per il Viminale si e’ trattato di un “eccesso di enfasi per una dichiarazione dal contenuto ordinario, generico, di rito in casi di questo genere”. Il Viminale quindi ribadisce che “nessuna pista e’ esclusa, l’unica cosa esclusa e’ che si tratti con gli scafisti”. “Il ministro Alfano non ha accreditato alcuna ipotesi di scambio con scafisti”. E’ quanto precisa il Viminale in una nota. Il ministro – dice ancora la nota – “si e’ limitato a non escludere nessuna pista, invitando anzi a lasciare lavorare in silenzio chi di competenza”. Non c’e’ stata ancora alcuna rivendicazione del rapimento in Libia dei quattro tecnici italiani – Gino Pollicardo, Fausto Piano, Filippo Calcagno e Salvatore Failla – di cui non si hanno piu’ notizie da domenica sera. Non ha trovato conferma la pista del rapimento a opera di scafisti (scesi in campo per ‘vendicarsi’ del ruolo in prima linea dell’Italia nel controllo delle coste) ne’ quella sostenuta dal governo di Tripoli, che il rapimento sia opera di ‘Jeish al Qabail’ (Esercito delle tribu’), alleati del generale Khalifa Haftar, una formazione mista composta sia da arabi che da berberi. Nel suo profilo Facebook, il “Comando generale delle forze armate – operazioni dell’esercito nazionale”, che fa capo al generale Khalifa Haftar, con sede a Tobruk, ha oggi accusato le milizie di Zuara (Zuwarah), legate alla coalizione Alba della Libia (Fajr) che sostiene il governo di Tripoli, come responsabili del rapimento, un sequestro per scambiarli con scafisti libici detenuti: nella “notizia urgente” si legge che “nostre fonti confermano che le milizie della cosiddetta Fajr Libia di Zuara sono responsabili del sequestro dei quattro italiani”. Nel messaggio si legge che il sequestro avrebbe lo scopo di “fare pressioni sull’Italia e ottenere la liberazione di sette libici arrestati per traffico di esseri umani nel Mar Mediterraneo”. Anche il politico libico Abdullah Naker, presidente del partito al Qimma, fedele al governo di Tobruk, ha rilanciato l’accusa contro le milizie di Alba della Libia (Fajr). Naker ha ricordato che “il rapimento e’ avvenuto nella zona intorno a Mellitah”. “Sappiamo tutti -ha continuato- che e’ controllata dalle milizie di Fajr”. Intanto e’ arrivata anche la condanna del presidente palestinese Abu Mazen che ha parlato nel corso della conferenza stampa congiunta con il presidente del consiglio Matteo Renzi. L’ipotesi che dietro il sequestro dei quattro lavoratori italiani in Libia possa esserci una regia che mira ad ottenere dall’Italia lo scambio con gli scafisti individuati e condannati in Italia non e’ una pista investigativa da escludere a priori, ha poi lasciato intendere il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. I quattro tecnici italiani della ditta di costruzioni Bonatti sono stati fermati mentre rientravano dalla Tunisia a Mellitah, nella zona di Sebrata. Fonti di Sebrata hanno raccontato che i rapitori hanno prima costretto i quattro italiani a scendere dalla loro auto per salire su un’altra; poi hanno gettato a terra i loro telefonini nel timore che potessero essere rintracciati dal segnale del telefono; e infine sono fuggiti “in una zona desertica e impervia del Paese”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.