TwitterFacebookGoogle+

Italiano ucciso e gettato nel fiume a Londra aveva rubato un Tiepolo nel '93

(AGI) – Venezia, 30 set. – Sebastiano Magnanini, l’italiano trovato morto a Londra all’interno di un canale, era stato coinvolto, assieme a due complici, oltre 20 anni fa, nel furto di una pala del Tiepolo, la cosiddetta ‘Educazione della Vergine’, sottratta in una chiesa di Venezia, Santa Maria della Fava. Il quadro, che all’epoca era stato stimato circa 2 miliardi di lire, era stato sottratto nella notte fra il 13 e il 14 dicembre del 1993 e fu ritrovato in un casolare a Tessera, vicino all’aeroporto Marco Polo, nel marzo dell’anno successivo.

Il colpo, secondo le cronache dell’epoca, avrebbe dovuto fruttare ai tre ladri improvvisati 20 milioni ciascuno e la tela, un 3 metri per 2, doveva essere divisa in quattro parti e rivenduta. I ladri erano riusciti a farsi chiudere dentro la chiesa e a a tagliare dal telaio di sostegno la tela, ma avevano lasciato diverse tracce. L’opera del Tiepolo e’ del 1732 e rappresenta la Vergine in una deliziosa scena di vita familiare: la bambina Maria legge le Sacre Scritture compitando e accompagnando le parole con la mano mentre la madre Anna, seduta e stretta accanto a lei, la segue compiaciuta. Vicino a loro, il padre scruta il cielo, la volonta’ di Dio e, in alto due angeli assistono, invisibili, la famiglia. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.