TwitterFacebookGoogle+

Jack Ma trova un sosia… di 8 anni. Gli pagherà gli studi

Roma – Tutti hanno un sosia, anche Jack Ma. Il fondatore del gigante dell’e-commerce Alibaba, ha però un sosia particolare: un bambino di otto anni che vive nelle campagne cinesi della provincia orientale del Jiangxi. Viene da una famiglia povera che Jack Ma ha deciso di aiutare pagando gli studi dalla scuola primaria fino all’università. La somiglianza è in effetti impressionante, tanto da lasciare a bocca aperta lo stesso Ma che già lo scorso anno, quando per la prima volta era apparsa sui social la foto del piccolo Fan Xiaoqin – noto sul Web come il “piccolo Ma Yun” – aveva commentato sul suo account di Weibo, il Twitter cinese: “All’inizio ho creduto fosse una mia foto da piccolo. L’unica differenza tra noi è il modo di chiudere i bottoni”. E ancora: “Sembrava di guardarmi allo specchio”.

In un anno il piccolo Ma Yun è diventato una celebrità, mentre la sua storia è tornata a circolare nel giorno della Festa dei Single, l’appuntamento annuale dello shopping online dell’11 novembre lanciato qualche anno fa proprio dal colosso di Jack Ma, Alibaba, che quest’anno ha registrato vendite record per 120 miliardi di yuan (circa 16.3 miliardi di euro).

Da qui è nata una vera e propria campagna per aiutare il piccolo Ma, che non ha lasciato indifferente quello che, secondo Forbes, è il secondo uomo più ricco della Cina. Poi la decisione, annunciata tramite l’account ufficiale del colosso Alibaba: “La situazione del piccolo Fan non è uno scherzo, è una cosa seria? si legge nella dichiarazione ufficiale dell’azienda? L’educazione e la crescita di bambini che vivono nelle campagne è allarmante”.

“È facile finanziare l’istruzione di un bambino? continua il post – ma per poter aiutare milioni di bambini poveri devono essere impiegate più risorse e fare sforzi più sistematici per questa realtà attuale, per poter dare a questi bambini un futuro radioso”.Nato da genitori poveri con disabilità fisiche che ne impediscono l’attività lavorativa, né lui né suo fratello maggiore sono mai andati a scuola.

Diversa invece la storia del vero Jack Ma, 52 anni, che inizia la sua carriera da insegnante di inglese e traduttore, per poi diventare in pochi anni uno degli imprenditori di maggiore successo in Cina, da molti conosciuto come lo Steve Jobs cinese. In Cina, come sottolineato dallo stesso Jack Ma nell’annuncio pubblicato su Weibo, sono ancora tantissime le famiglie che vivono in povertà: circa 55.75 milioni secondo le stime ufficiali, mentre 40 milioni di bambini, si legge in un articolo pubblicato da Xinhua, l’agenzia di Stato cinese, vivono in aree disagiate e arretrate.

Molti sono anche i bambini “lasciati indietro” da genitori che per motivi di lavoro si trasferiscono nelle città e affidano i figli a zii o nonni: 60 milioni secondo stime non ufficiali, 9 milioni nelle aree rurali secondo stime del ministero degli Affari civili. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.