TwitterFacebookGoogle+

Jobs act: Camusso "norme ingiuste e sbagliate, ci opporremo"

(AGI) – Roma, 24 dic. – “Altro che rivoluzione copernicana, a leggere le norme viene da chiedersi cosa abbiano mai fatto i lavoratori a Matteo Renzi”. Lo afferma in una nota il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in merito ai provvedimenti sul lavoro assunti oggi dal Cdm. Per Camusso: “Con i provvedimenti odierni il governo Renzi ha cancellato il lavoro a tempo indeterminato, generalizzando la precarizzazione dei rapporti di lavoro in Italia. Non soddisfatto ha diviso ulteriormente i lavoratori penalizzando ancora una volta i giovani e i nuovi assunti”. Secondo Camusso: “Per la prima volta il governo rinuncia alla politica economica appaltando alle imprese la ripresa, consentendo la liberta’ di licenziare sempre e comunque. Invertendo l’onere della prova, che ora ricadra’ sulle spalle dei lavoratori, si crea un abominio addossando alla parte piu’ debole e ricattabile del rapporto di lavoro la dimostrazione della ingiustizia del suo licenziamento. La Cgil continuera’ a opporsi in modo forte e deciso a queste norme ingiuste, sbagliate e punitive nei confronti dei lavoratori e usera’ tutti gli strumenti a sua disposizione per ripristinare i diritti dei lavoratori”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.