TwitterFacebookGoogle+

Juncker contro Farage e Johnson, "siete eroi tristi"

Bruxelles – Resa dei conti a Bruxelles tra la Commissione europea e i populisti, incarnati per Jean-Claude Juncker negli “eroi tristi” Nigel Farage e Boris Johnson. I protagonisti della Brexit, ha detto il capo dell’esecutivo europeo, “uno dopo l’altro danno le dimissioni” ed e’ il segno, “che sono nazionalisti ma non patriottici, perché non lascerebbero la scena quando la situazione diventa difficile”.

Parlando al Parlamento europeo in sessione plenaria a Strasburgo, Juncker ha sottolineato di non capire che “chi vuole lasciare l’Unione europea prenda tempo” e per questo auspica, in accordo con il Consiglio europeo, che “il Regno Unito presenti al piu’ presto la sua richiesta formale di uscire dall’Ue”, ribadendo quanto sancito nero su bianco dai 27 leader riuniti per la prima volta senza Londra, la scorsa settimana: “chi vuole libero accesso al mercato unico deve rispettare le quattro liberta’, a partire da quella di circolazione e di movimento”. La colpa della Brexit, Juncker la fa ricadere solo su Johnson e Farage: “Non mi dimetto: non vedo come laCommissione possa essere considerata responsabile della Brexit”, ha detto il lussemburghese, che pero’ ammette: “e’ vero che non possiamo continuare come prima, ma mi rifiuto di rivedere tutto”. In particolare, ha osservato, “le nostre priorità, crescita e occupazione innanzitutto, non devono essere riviste, ma le decisioni devono essere applicate”. Solo cosi’, ha detto, si potrà fare “dell’Unione europea un’Unione degli europei”.

Il dimissionario capo dell’Ukip, intanto, continua ad accumulare brutte figure. Farage non si e’ presentato al suo posto di capo del gruppo euroscettico Efdd al Parlamento europeo nel giorno in cui si discute di Brexit, e molti colleghi lo hanno accusato senza mezzi termini di vigliaccheria, e per come si stanno mettendo le cose in Gran Bretagna il rischio e’ che lui stesso diventi un capro espiatorio del peggioramento del quadro politico ed economico. La Banca d’Inghilterra (Boe) avverte che dei rischi per la stabilità finanziaria hanno “cominciato a manifestarsi”, dopo la vittoria della Brexit al referendum del 23 giugno scorso. Di conseguenza la Boe ha deciso di alleggerire i vincoli di capitale imposti alle banche per invogliarle a sostenere l’economia britannica. L’istituto precisa poi che, a fronte della “sfida” rappresentata dalla Brexit, questa misure consentira’ di un capacita’ aggiuntiva di prestiti di 150 miliardi di sterline (178,9 miliardi di euro),da destinare alle famiglie e alle imprese. La prima emissione di titoli del debito pubblico britannico dopo la Brexit registra un rendimento al minimo storico. Si tratta di un’obbligazione quinquennale il cui tasso si attesta allo 0,382%. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.