TwitterFacebookGoogle+

Kamikaze al concerto di Ariana Grande a Manchester: 22 morti, anche bambini

Terrore e morte a Manchester, dove un kamikaze si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande, in mezzo alla folla che lasciava l’Arena della città britannica. I morti sono 22, i feriti 59. L’esplosione è avvenuta nella zona del foyer della Manchester Arena alla fine del concerto della pop star Ariana Grande. Il palazzetto dello sport, il secondo più grande d’Europa, può ospitare fino a 21.000 persone. Tra le vittime ci sono anche dei bambini, anche se le autorità non hanno ancora rivelato l’età.

Sui giornali del mondo

Testimonianze sul sito della BBC

La diretta su Le Monde

New York Times

Guardian

Il recconto su Le Figaro

 

Sospesa la campagna elettorale

La campagna per le elezioni anticipate in calendario il prossimo 8 giugno in Gran Bretagna è stata sospesa: lo ha deciso la premier britannica Theresa May. Al cordoglio espresso dalla May si sono uniti il leader dei liberal-democratici, Tim Farron, e il leader del partito Laburista, Jeremy Corbyn.

New York Times, il momento dell’esplosione
 

 

Su Twitter il video del momento dell’esplosione

 

NEW: video from inside the Ariana concert in Manchester when the explosion took place. pic.twitter.com/7vu4ATEzpP

— The Rouser (@RouserNews) 23 maggio 2017

 

Il panico e la Fuga
 

#BREAKING : Another video showing the sheer panic of those at #Manchester Ariana Grande Concert. Unknown number of fatalities. pic.twitter.com/SZH5QYVux5

— Sophia Dobson (@MsSophiaDobson) 22 maggio 2017

May: “Orribile attacco terroristico”

“Stiamo lavorando per accertare i dettagli completi di quello che la polizia sta trattando come un orrendo attentato terroristico”. Così la premier britannica, Theresa May, commentando la strage alla Manchester Arena che ha provocato la morte di almeno 19 persone. “I nostri pensieri – ha detto il una nota – sono con le vittime e le famiglie di coloro che sono stati coinvolti”. 

Un video di rivendicazione gira su Twitter

 

Suspuesta reivindicación del atentado #Manchester pic.twitter.com/ygWy4fS597

— Francisco LEDESMA (@Curro_LEDESMA) 23 maggio 2017

Il video dura appena 16 secondi e mostra il volto, interamente coperto da una sciarpa kefiah, di quello che sarebbe il terrorista, dietro il quale c’è un drappo nero. L’uomo pronuncia poche parole in inglese: “In nome di Allah, il misericordioso e il generoroso, questo è solo l’inizio: i leoni dello Stato Islamico stanno cominciando ad attaccare tutti i crociati. Allah Akbar, Allah Akbar”. E subito dopo, l’uomo innalza un cartello bianco su cui è scritto solo un luogo, con la data di ieri, in inglese e in arabo: “Manchester, 2017-05-22”.

Cosa sappiamo finora

  • Il bilancio è di 19 morti e cinquanta feriti
  • L’esplosione è avvenuta intorno alle delle 22.30 locali
  • “E’ un orrendo attentato terroristico” ha detto la premier britannica, Theresa May,
  • Il “probabile” kamikaze è stato identificato
  • Al concerto di Ariana Grande partecipavano 21mila persone, soprattutto teenager
  • C’è una rivendicazione video dell’Isis

 


Per approfondire

 

Anyone who needs help or assistance after last night’s incident at Manchester Arena help is available at the Etihad Stadium access Gate 11

— G M Police (@gmpolice) 23 maggio 2017

 

Ariana Grande, “Spezzata, non ho parole”

“Spezzata. Dal profondo del mio cuore. Mi dispiace davvero tanto. Non ho parole”. Cosi’ Ariana Grande, la pop star idolo dei giovanissimi, via Twitter, dopo l’attentato alla fine del suo concerto.

broken.
from the bottom of my heart, i am so so sorry. i don’t have words.

— Ariana Grande (@ArianaGrande) 23 maggio 2017

 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.