TwitterFacebookGoogle+

Ken Loach: “Non credo alla premier, con lei ha vinto ancora la destra pura”

Intervista a Ken Loach di Enrico Franceschini (Repubblica 14.7.16) “Il più impegnato dei registi inglesi: “Taglierà le tasse alle corporation per compensare i danni dell’uscita dall’Unione europea, a spese del sociale”. Un’altra Thatcher? Direi piuttosto un’altra conservatrice che porterà avanti l’ideologia anti-lavoratori ormai dominante”

“”LONDRA. «Questa storia non avrà un lieto fine ». Ken Loach, il più impegnato regista inglese, Leone d’Oro all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, guarda gli avvenimenti di questi giorni, Theresa May subentrata ieri al posto di David Cameron a Downing street, la lotta intestina nel Labour, l’incertezza su Brexit, come se fossero la trama di un film. «Non so se definirla una tragedia o una commedia, ma una cosa è certa: non mi piace», dice a Repubblica.
Cosa farà il nuovo governo guidato da Theresa May? Lei parla di lotta ai privilegi, giustizia sociale… «Non le credo, farà quello che è necessario per il business, a cominciare dai negoziati sui nuovi rapporti con l’Unione Europea dopo la vittoria della Brexit nel referendum. Il pericolo maggiore è che, per compensare i danni economici dell’uscita dalla Ue, taglierà ulteriormente le tasse alle corporation nel tentativo di attirare investimenti. E meno tasse significherà ulteriori tagli ai servizi sociali, già così danneggiati dal governo Cameron».
Chi è la nuova premier? «Se guardiamo alla sostanza, è un politico di destra con valori di destra, scarso rispetto per i diritti umani, come ha dimostrato sui prigionieri britannici a Guantanamo, scarso rispetto per i diritti delle donne, lei per prima rifiuta di definirsi femminista. È una conservatrice dura e pura».
Un’altra Thatcher? «Più che un’altra Thatcher, un’altra Tory. Che porterà avanti l’eredità ideologica liberista, anti-lavoratori, della Thatcher, diventata l’ideologia dominante in questo paese negli ultimi 35 anni».
Ci saranno elezioni anticipate? «In questo momento sarebbero un rischio per il Labour, che è più diviso dei conservatori, quindi non è escluso che la May le convochi per affrontare gli avversari mentre sono disorientati».
A proposito, cosa pensa della sfida di Angela Eagle a Jeremy Corbyn per la leadership del partito?
«Forse per la prima volta nella sua storia, il Labour ha un leader genuinamente di sinistra, lo ha eletto a sorpresa, anzi per sbaglio, in virtù del cambiamento delle regole delle primarie, permettendo che votassero tutti gli iscritti e non più solo la nomenklatura del partito. E dal primo giorno la corrente blairiana, ha cercato di minarlo, umiliarlo, di detronizzarlo. Ci sta riprovando ora sfidandolo alle primarie, ma Corbyn ha ampio sostegno fra gli iscritti e verrà rieletto».
In tal caso i deputati che l’hanno sfiduciato potrebbero formare un nuovo partito di centro sinistra alleandosi con liberaldemocratici e verdi? «Può darsi, ma l’ultima volta che lo fecero, nel 1981, non andò bene per niente, per questo hanno paura ad abbandonare la nave del Labour».
Come giudica il referendum? «È stato la sfida fra due destre: quella che voleva Brexit per mantenere l’accesso ai mercati, le privatizzazioni, la speculazione finanziaria; e quella che voleva Brexit in nome della xenofobia anti-immigrati».
Ma lei vorrebbe restare in Europa? «Sì, ma dico, come Corbyn, che la Ue ha bisogno di liberarsi dalla politica dell’austerità, dal neo-liberismo, e lavorare per l’eguaglianza e i diritti dei lavoratori».
Potrebbe girare un film su tutto quello che è successo a Londra negli ultimi mesi. «Non so se sarebbe una tragedia o una commedia. Una cosa è certa, non avrebbe un lieto fine e non mi piacerebbe».””

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.