TwitterFacebookGoogle+

Kerry a Hiroshima, ma non per chiedere scusa

Hiroshima – Giornata storica a Hiroshima, in Giappone, dove per la prima volta un alto esponente degli Stati Uniti ha reso omaggio alle vittime del bombardamento atomico americano. Il segretario di Stato statunitense. John Kerry, ha visitato il Parco della Pace della citta’ giapponese e fatto un appello a “mettere fine alla minaccia nucleare”. Con lui, i cancellieri di Regno Unito e Francia, altre due potenze nucleare, e i colleghi di Italia (con il ministro Paolo Gentiloni), Giappone, Canada e Germania, tutti a Hiroshima per il G7. I ministri hanno visitato il museo e il Parco della Pace e poggiato un omaggio floreale al cenotafio, dove sono scritti i nomi delle oltre 250mila vittime del primo bombardamento atomico della storia, effettuato da aerei americani il 6 agosto del 1945. All’uscita del museo, i ministri sono stati accolti da centinaia di alunni giapponesi che sventolavano le bandiere di tutti i Paesi partecipanti.

Kerry non ha fatto l’inchino dinanzi al monumento come stabilisce il protocollo giapponese, al contrario del collega nipponico, Fumio Kishida, originario di Hiroshima, e degli altri ministri partecipanti, che si si sono inchinati in segno di rispetto. Negli Usa, il tema infatti e’ ancora tra quelli ‘sensibili’ perche’ molti considerano il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki come il passaggio storico che evito’ altro spargimento di sangue e accelero’ la fine della Seconda Guerra mondiale. “Tutti dovrebbero vedere e sentire la potenza di questo memoriale”, ha scritto Kerry pero’ sul libro degli ospiti del museo. “Questo ci ricorda con forza e durezza che abbiamo non solo l’obbligo di porre fine alla minaccia delle armi nucleari, ma anche che dobbiamo fare di tutto per evitare la guerra”, ha insistito il ministro, veterano del Vietnam e diventato con gli anni sempre piu’ contrario agli interventi militari e a favore del disarmo.

La sua visita potrebbe spianare le strada all’arrivo a Hiroshima dello stesso presidente americano, Barack Obama, in occasione del tour in Giappone a fine maggio per il vertice dei capi di Stato e di governo del G7, anche se ufficialmente non e’ stata ancora presa alcuna decisione. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.