TwitterFacebookGoogle+

Killer Dallas ha agito da solo, appello di Biden all'unità

Washington – Il vice presidente americano, Joe Biden, ha reso omaggio ai 5 poliziotti bianchi uccisi a Dallas da un cecchino nero, esortando il Paese a essere unito contro le ingiustizie razziali. “Spetta a noi schierarci e parlare a voce alta e forte delle nostre disparita’ nel sistema giudiziario, e spetta sempre a noi schierarci per la polizia che ci protegge nelle nostre comunità ogni giorno”, ha sottolineato Biden, nel tradizionale discorso settimanale alla nazione, solitamente tenuto dal presidente Barack Obama, che è impegnato in Europa ma ha anticipato il rientro. “Come americani, siamo molto toccati da tutte queste morti”, ha aggiunto Biden, riferendosi a tutti i recenti fatti di sangue. La tensione infatti e’ altissima nel Paese dopo una serie di uccisioni di afroamericani da parte della polizia in diversi Stati nei giorni scorsi e la morte di 5 agenti bianchi colpiti da un riservista nero venerdì a Dallas. 

Obama ha deciso di interrompere il viaggio in Europa per tornare negli Stati Uniti e sarà a Dallas all’inizio della prossima settimana. Il presidente americano, che ieri era a Varsavia per un vertice della Nato, oggi e’ in Spagna. A Madrid vede il capo del governo, Mariano Rajoy, e poi andra’ alla base militare di Cadice, ma dovra’ rinunciare a visitare Siviglia. Il viaggio spagnolo sarebbe dovuto durare due giorni, ma Obama ha accettato l’invito a recarsi a Dallas fatto dal sindaco di quella citta’, Mike Rawlings, e già stasera rientrera’ dal breve soggiorno europeo. Da Varsavia, il premier Matteo Renzi, ha affermato che “c’è la necessità di combattere l’odio” per aprire una stagione di pace e concordia. “Certi episodi ti squartano l’anima”, ha osservato alludendo anche alla strage di Dacca.

Intanto proseguono le indagini sulla strage. Il bilancio e’ di cinque agenti uccisi e otto feriti, di cui due civili. Gli agenti uccisi sono: Brent Thompson (43 anni, sposato da poco),Patrick Zamarripa (padre di due figli),Michael Krol (il cui sogno e’ sempre stato quello di essere un poliziotto),Lorne Ahrens e Michael Smith. 

La sparatoria in diretta

 

 

Il killer, il 25enne nero Micah Xavier Johnson, era un riservista dell’esercito che aveva prestato servizio in Afghanistan dal novembre 2013 a luglio 2014. Johnson, che si era asseragliato in un garage, e’ stato ucciso da un robot della polizia carico di esplosivo. Il suo obiettivo era uccidere bianchi, in particolare poliziotti bianchi, e non faceva parte di alcun gruppo terroristico. La strage di Dallas e’ avvenuta il giorno successivo al doppio omicidio da parte della polizia di due neri, in entrambi i casi ripresi in video. 
Il capo della polizia di Dallas, David Brown, ha commentato: “Bisogna fermare questa spaccatura tra la nostra polizia e i nostri cittadini”. Obama ha nuovamente sottolineato la facilita’ con cui negli Stati Uniti si puo’ avere qualsiasi arma.
C’e’ incertezza sulla sorte delle altre tre persone arrestate ieri. Non e’ chiaro se siano state rilasciate o no. Le loro identita’ non sono note, perche’ le indagini sono ancora in corso.

Nel corso della perquisizione in casa di Johnson sono stati trovati materiali per la realizzazione di bombe, fucili, cartucce e un giornale di tattiche militari. Il Segretario di Stato alla Sicurezza interna, Jeh Johnson, ha confermato inoltre l’indiscrezione secondo cui sarebbe stato il solo Johnson a sparare ai poliziotti durante una manifestazione pacifica. Il cecchino viveva a Mesquite, nell’area metropolitana di Dallas. Obama ha definito l’attacco “odioso, premeditato e ignobile” e ha promesso giustizia per questa “tremenda tragedia”: “L’intera citta’ e’ nel dolore”. Ma ha aggiunto che “la violenza contro le forze dell’ordine non puo’ mai essere giustificata”; e ha ribadito il suo appoggio a quelli che sono nei corpi di polizia perche’ “hanno un compito “difficile” e “la stragrande maggioranza fa un buon lavoro”. Il presidente ha sottolineato che una volta che saranno chiariti i fatti si dovra’ riaprire il dibattito sul facile accesso alle armi, che “rendono piu’ letali questi attacchi” (in Texas dall’inizio dell’anno una legge consente di portare le armi in pubblico). Mentre Loretta Lynch, responsabile del Dipartimento di giustizia americano, ha sottolineato che “la risposta non deve essere la violenza ma l’azione, calma e determinata”. “Dobbiamo continuare a lavorare per costruire la fiducia tra le forze di polizia e le comunita’. Bisogna respingere gli impulsi e i rancori. Dobbiamo ricordarci di essere tutti americani”, ha aggiunto.

Intanto proseguono in tute le principali città Usa le proteste del movimento “Black Lives Matter” (“Le vite dei neri contano”) contro il grilletto facile della polizia. A Los Angeles i rapper Snoop Dogg e The Game hanno partecipato a un corteo che ha raggiunto la sede centrale della polizia, dove hanno incontrato il sindaco e il capo della polizia a cui hanno chiesto un impegno per migliorare i rapporti fra gli agenti e le minoranze. Manifestazioni pure a New York e a Washington, dove ci sono stato sit-in e veglie davanti al Dipartimento di Giustizia e alla Casa Bianca. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.