TwitterFacebookGoogle+

L’amore verso i nemici predicato da Gesù. 106

Quando nei Vangeli si dice di amare i nemici e di porgere l’altra guancia, ci si riferisce ai nemici personali, cioè a quelli che vivono nell’ambito della comunità, non mai ai nemici esterni, a quelli cioè del popolo d’Israele, come gli oppressori romani, e tanto meno ai nemici di Jahvè, i pagani in genere. Tutti costoro dovevano essere odiati e sterminati senza pietà, come aveva ordinato Mosè. Nessun giudeo, per quanto mansueto, avrebbe accettato questo tipo di perdono, e invece di porgere l’altra guancia ad un oppressore romano gli avrebbe vibrato una pugnalata nella schiena, come facevano gli zeloti ai quali, appartenevano Gesù e i suoi apostoli. Il rigoroso pacifismo di Gesù, inteso in senso universale, fu aggiunto a posteriori ai Sinottici, quando la Chiesa ellenizzata soppiantò quella messianica dei giudei e si aprì ai gentili. Ma il caratteristico comandamento del Vangelo: ama il prossimo tuo come te stesso, pur riferito al solo ambito comunitario era diffuso da tampi antichissimi e presso tutti i poopoli più evoluti. Coincide chiaramente col motto di Buddha: «Agisci come se ciò che fai accadesse a te; non uccidere, e non concedere nessuna possibilità che altri lo faccia». Nella letteratura buddhistica si trova, inoltre, questa frase: «Non adirandosi si supera la collera; il male si vince col bene; l’avido si vince coi doni; con la verità si vince il bugiardo». Anche Platone proibisce all’uomo di compiere il male, anche nel caso ch’egli lo subisca da parte di altri.L’amore per i nemici personali non era ignoto neppure alla Stoa. Un parallelo singolare con la parola di Gesù: «Pregate per chi vi perseguita, affinché siate figli del padre celeste. Infatti, egli fa si che il sole sorga sui buoni e sui malvagi, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti» (Mt. 5, 44 sg.) lo troviamo in Seneca: «Se tu imiti gli dei, fa’ del bene anche agli ingrati! Infatti il sole sorge anche per i malfattori, e il male è aperto anche ai pirati».Un comandamento assolutamente uguale, fondato su analoghe motivazioni morali lo troviamo persino da parte delle autorità ebraiche e anche nel Vecchio Testamento, benché limitatamente ai nemici appartenenti al proprio popolo. In ogni caso, già per Geremia e Isaia era cosa commendevole lasciarsi schiaffeggiare e sottoporsi allo scherno, per cui il duplice comandamento gesuano dell’amore, che da sempre il Cristianesimo ha considerato proprietà esclusiva, deriva dalla teologia ebraica tradizionale.

Original Article >> http://impegno-laico.blogspot.com/2014/01/lamore-verso-i-nemici-predicato-da-gesu.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.