TwitterFacebookGoogle+

La bandiera dell'Isis arriva in Italia, l'ha portata un affiliato di Ansar Al-Sharia

Nella casa a Ciampino di Hmidi Saber, il 34enne tunisino arrestato dalla Polizia, è stata trovata una bandiera dell’Isis. E’ la prima volta che un vessillo originale viene trovato a casa di un soggetto di religione islamica in Italia.

L’uomo, secondo gli inquirenti, sarebbe collegato all’Ansar al-Sharia (i seguaci della legge divina di Allah, definito dal governo tunisino, dalle N.U. dagli USA, dagli Emirati Arabi e dal Regno Unito, come gruppo terroristico jihadista attivo in Tunisia dal 2011). Padre di una bimba e marito di un’italiana convertita all’Islam, si trova già in carcere per una condanna a 3 anni e 8 mesi di reclusione per porto e detenzione di arma da fuoco.

Sulla bandiera ci sono le scritte della “Shaada”, ossia la professione di fede: “non vi è altro Dio oltre Allah”. Mentre al centro compare il sigillo di Maometto che si traduce in : “Mohamed è il suo profeta”. Sotto il logo centrale c’è la scritta “Ansar al Shari-a”, simbolo dell’organizzazione terroristica operativa in Tunisia e Libia.

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.