TwitterFacebookGoogle+

La Boldrini aderisce al partito di Grasso. Cosa potrebbe cambiare adesso

La sinistra di Pietro Grasso si allarga e accoglie un altro presidente, o meglio la presidente. Laura Boldrini alle 16 brinderà con i leader di Liberi e uguali Roberto Speranza e Pippo Civati nel quartiere universitario di San Lorenzo, sancendo il suo approdo alla formazione guidata dal presidente del Senato. 

Dopo aver atteso l’ok alla manovra e aver presieduto l’aula nell’ultimo passaggio della legislatura, a una manciata di giorni dallo scioglimento delle Camere, la presidente scioglie le riserve e si schiera con la sinistra alternativa al Pd.

Una scelta, la sua, che ha poco di politicista e molto di adesione basata prevalentemente sul programma. Eletta nelle fila di Sel nel 2013 dopo un lungo impegno per l’Unhcr, viene catapultata sullo scranno più alto di Montecitorio durante i concitati giorni che seguirono la “non vittoria” di Pierluigi Bersani alle elezioni politiche. Insieme a lei, per la presidenza del Senato, il Pd indicò Grasso.

Un ticket che piacque alla base di sinistra, poiché rappresentava i valori della legalità e dell’accoglienza; e si trattò di una scelta talmente poco ‘politica’ e così tanto  rappresentativa che qualcuno avanzò la critica di aver scelto due “figurine” più che due Presidenti esperti della guida delle Camere. 

Ma proprio la scelta di contenuti e non di partito ha caratterizzato il quinquennio di Laura Boldrini alla guida di Montecitorio. La parità di genere, la net neutality, la lotta alla violenza sul web (di cui è spesso vittima lei stessa e che ha deciso di denunciare) e l’accoglienza dei migranti sono stati alcuni dei suoi cavalli di battaglia, che le hanno permesso di non entrare in rotta di collisione con il Pd come invece è successo ad alcuni suoi futuri compagni di viaggio.

Nessuno scontro aspro con i cugini dem alla base della sua scelta, dunque, ma la valutazione che i temi a lei più cari avrebbero trovato più spazio in Leu che nel Pd. Vicina a Giuliano Pisapia, aveva anche sperato in una convergenza di tutto il centrosinistra, ma aveva gettato la spugna ben prima dell’ex sindaco di Milano, ai primi di novembre. La linea del Pd di lasciare al suo destino la legge sullo ius soli è stata quindi solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso e le ha fatto decidere senza più remore di scendere in pista con Liberi e uguali. 

Darà vita al ‘ticket dei presidenti’ in Leu, rompendo anche l’egemonia maschile nei vertici della nuova forza, finora guidata da soli uomini. In dote, spiega chi le ha parlato nelle ultime ore, porterà le battaglie condotte in questi anni: diritti delle donne, lavoro, periferie, immigrazione, senza dimenticare la comunicazione digitale e web.

A marzo la prova del fuoco delle elezioni in una competizione che per il centrosinistra appare ancora tutta in salita. Ma a Liberi e uguali la speranza è che dopo i punti conquistati nei sondaggi con l’arrivo di Grasso alla leadership, l’approdo di Laura Boldrini, molto combattiva anche nell’agone televisivo della campagna elettorale, faccia toccare la soglia psicologica del 10%. 
 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.