TwitterFacebookGoogle+

La Cassazione ha ordinato di sequestrare 49 milioni alla Lega

Si può andare avanti con i sequestri sui conti della Lega di Matteo Salvini: la richiesta avanzata “in corso di esecuzione” dai pm di Genova di estendere “l’originario provvedimento cautelare”, finalizzato alla “confisca diretta” di 48.969.617 euro, anche alle somme “affluite in un momento successivo alla data di esecuzione del decreto di sequestro del 4 settembre 2017” sui conti e depositi riferibili alla Lega Nord “non comporta novazione”. Lo scrive la seconda sezione penale della Cassazione, spiegando perché nella camera di consiglio del 12 aprile scorso decise di accogliere il ricorso dei pm genovesi contro il ‘no’ del tribunale del Riesame del capoluogo ligure di fronte alla loro istanza di poter andare avanti con i sequestri in relazione alle somme che verranno depositate sui conti del Carroccio.

La vicenda parte dalla sentenza, pronunciata dal tribunale di Genova un anno fa, nei confronti di Umberto Bossi e di Francesco Belsito – il primo fondatore, il secondo ex tesoriere, della Lega nord – accusati di truffa allo Stato sui rimborsi elettorali e condannati rispettivamente a 2 anni e mezzo e a 4 anni e 10 mesi. Con quel verdetto, i giudici di Genova disposero la confisca diretta di quasi 49 milioni di euro a carico della Lega quale “somma corrispondente al profitto, da tale ente percepito, dai reati per i quali vi era stata condanna”.

La procura, dunque, aveva chiesto e ottenuto, il 4 settembre 2017, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di tale somma, ma le cifre finora sequestrate ammontano a poco più di 2 milioni. La richiesta del pm di estendere l’esecuzione del sequestro era poi stata respinta dal Riesame, ma la Cassazione, con la sua decisione, ha rinviato per un nuovo esame gli atti ai giudici di Genova. I giudici di piazza Cavour, infatti, mettono in rilievo “l’irrilevanza della fonte del sequestro” perché, si legge nella sentenza depositata oggi, “l’oggetto della misura cautelare è sempre quella del decreto originario, che tra l’altro non e’ stata oggetto di contestazione”, e cioè “l’esistenza di disponibilità monetarie della percipiente Lega Nord che si sono accresciute del profitto di reato, legittimando cosi’ la confisca diretta del relativo imposto, ovunque e presso chiunque custodito e quindi anche di quello pervenuto sui conti e/o depositi in data successiva all’esecuzione del provvedimento genetico”.

Infatti, scrivono ancora gli ‘alti’ giudici, “la fungibilità del denaro e la sua stessa funzione di mezzo di pagamento non impongono che il sequestro debba necessariamente colpire le medesime specie monetarie illegalmente percepite”, bensi’ “la somma corrispondente al loro valore nominale, ovunque venga rinvenuta, una volta accertato – spiega la Corte – come nel caso in esame, il rapporto pertinenziale quale relazione diretta, attuale e strumentale, fra il danaro oggetto del provvedimento di sequestro ed il reato del quale costituisce il profitto illecito”.

La Cassazione aggiunge infine che “nessuna rilevanza assume nell’ambito della presente procedura incidentale quanto indicato nella motivazione della sentenza del tribunale di Genova” del luglio dello scorso anno “che potrà essere oggetto di gravame nelle sedi competenti, a fronte di un’ordinata confisca a carico della Lega Nord per l’Indipendenza della Padania della somma di 48.969.617 quale profitto dei reati commessi dai suoi legali rappresentanti”.

“È una sentenza politica, vogliono metterci fuori causa per via giudiziaria. Chi parla di soldi rubati viene querelato: ho tanti difetti ma non transigo sulla mia onestà. Se c’è giudice che vuole metter fuori legge un partito, auguri. Siamo sereni”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ospite di Luca Telese e David Parenzo, commenta la sentenza della Cassazione che dispone il sequestri di 49 milioni alla Lega. “Quei soldi non ci sono, non li ho mai visti. È un processo evidentemente politico che riguarda fatti di più di 10 anni fa su soldi che io non ho mai visto. Gli posso portare i soldi dati dai pensionati domenica a Pontida per comprare magliette e cappellini e patatine fritte”, ha aggiunto. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.