TwitterFacebookGoogle+

La Chiesa russa vuol far proibire le relazioni omosessuali

Gay Russiadi redazione
in “lemonde.fr” del 10 gennaio 2014 (traduzione: www.finesettimana.org)

La Chiesa ortodossa russa ha suggerito, venerdì 10 gennaio, di organizzare una consultazione popolare per proibire le relazioni tra omosessuali, il che equivarrebbe a criminalizzarle, come al tempo dell’Unione Sovietica.

Il portavoce della Chiesa ortodossa russa Vsevolod Chaplin, ha dichiarato al quotidiano Izvestia: “Vale senz’altro la pena discutere di questo argomento nella società, dato che il potere è nelle mani del popolo. Sono convinto che tali relazioni sessuali debbano essere completamente escluse dalla vita della nostra società. Se riusciremo ad ottenere questo con mezzi di convinzione morale, tanto meglio. Se dobbiamo far riferimento alla legge, chiediamo allora alle persone se sono pronte a questo”. “È la maggioranza del popolo e non delle forze esterne di qualsiasi tipo che deve definire ciò che costituisce una infrazione penale da noi”, ha aggiunto  Vsevolod Chaplin, reagendo ad una recente iniziativa di un prete ortodosso russo che aveva proposto di organizzare un referendum sulla reintroduzione di azioni giudiziarie contro gli omosessuali.

In Russia, fino al 1993 l’omosessualità è stata considerata reato, passibile di otto anni di prigione e, fino al 1999, è stata ritenuta malattia mentale. La Russia ha adottato l’anno scorso una legge che sanziona con multe e pene detentive la “propaganda” omosessuale davanti ai minorenni, legge che è stata denunciata come discriminatoria dai difensori dei diritti umani.

Ha anche suscitato vive critiche di sportivi e responsabili politici all’esterno, alcuni dei quali hanno anche invitato a boicottare i Giochi Olimpici di Sochi. Le affermazioni del portavoce della Chiesa ortodossa sono state subito denunciate dai militanti della causa omosessuale russa. “La reintroduzione di azioni giudiziarie contro gli omosessuali corrisponderebbe ad autorizzare di nuovo la pena di morte”, che oggi è oggetto di una moratoria in Russia, ha dichiarato Nikolai Alexeev, un responsabile della comunità omosessuale russa.

http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201401/140110lemonde.pdf

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.