TwitterFacebookGoogle+

La Cina investe nelle piccole librerie per far tornare di moda la lettura su carta 

La Cina, terra di Alibaba e uno dei paesi dove l’ecommerce è più sviluppato, riscopre il gusto di un genere di commercio che più novecentesco non si può: quello delle librerie, soprattutto se di piccole dimensioni, dove si prende il caffè compulsando un volume rilegato e stampato sulla cara, vecchia carta.

Le autorità comunali di Pechino hanno potenziato in maniera decisiva gli stanziamenti in favore di questo genere di negozi, portandoli a 50 milioni di yuan (circa sei milioni di euro). Praticamente il triplo di prima.

Scopo dell’iniziativa aiutare I proprietari delle piccole librerie di quartiere, quelle dove si va da studenti a curiosare, o dove gli intellettuali passano le loro giornate tra una discussione di storia antica e un confronto su una stampa d’epoca, a pagare l’affitto e la manutenzione. Idea resa necessaria dal fatto che, comunque, i costi di gestione sono spesso ben più alti dei ricavi a fine mese, e quindi è benvenuto l’aiuto che viene dal pubblico.

“L’aiuto dello Stato è necessario”

Grazie alla decisione del municipio adesso apriranno entro il 2020 altre 16 librerie di medie dimensioni e ben 200 di dimensioni medio-piccole, complici anche le esenzioni fiscali per i gestori e gli sgravi per i proprietari degli immobili.

“Non si può pensare che sia il mercato a risolvere le difficoltà in cui si dibattono queste librerie”, spiegano le autorità di Pechino, “e questo rende necessaria una politica di sostegno da parte del governo”. Lo scopo è anche quello di migliorare l’aspetto di un genere di rivendite altrimenti condannate per loro stessa natura alla scarsa luminosità e alla polvere. Ma alla base della decisione c’è anche il fatto che un libro di carta, o una rivista patinata, possono dare sensazioni che uno schermo più o meno grande, su un telefonino o un laptop, non comunicano. Oppure, più semplicemente, inducono maggiormente alla riflessione.

Del resto la Cina è sì la terra di Alibaba, ma è anche quella di Lao She, che di una immensa biblioteca su carta aveva fatto la propria ragione di vita.

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.