TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 19: l’Istituto comprensivo Fabrizio De André

ics-deandreLa clericalata della settimana è dell’Istituto comprensivo “Fabrizio De André”, che ha escluso un’alunna dalla gita scolastica di fine anno perché non ha frequentato l’ora di religione.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ha consegnato in Vaticano il Premio Carlo Magno a papa Francesco, conferito dalla città tedesca di Aquisgrana a personalità con meriti particolari in favore dell’integrazione europea. Presenti alla premiazione diversi rappresentanti dei paesi europei, compreso il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

I cappellani militari ancora costano molto alle casse pubbliche, nonostante le annunciate riforme. Nel 2015, secondo i bilanci dei Ministeri della Difesa e dell’Economia, per 205 sacerdoti sono stati spesi più di 10 milioni, cui si sommano circa 2 milioni per il funzionamento dell’Ordinariato a Roma e altri 7 milioni in laute pensioni, per una cifra che si assesta sui 20 milioni di euro. Uno dei tanti costi della Chiesa che l’Uaar denuncia da tempo.

Il Comune di Venezia ha sottoscritto un accordo con il patriarcato cattolico per il restauro del Tempio Votivo del Lido. La giunta ha approvato un progetto che costerà 1,5 milioni di euro. Il Comune parteciperà per 490 mila euro al fine di risistemare le opere di arredo urbano esterne. La Regione Veneto invece finanzierà per 1 milione e 400 mila euro, con fondi europei. Il patriarcato fornirà solo 100 mila euro. La struttura è di proprietà della curia, che l’ha data in concessione all’Esercito.

La Giunta comunale di Sesto San Giovanni (MI) ha regalato alle parrocchie un contributo di 34 mila euro per spese di ristrutturazione, come oneri di urbanizzazione secondaria.

Il Comune di Fara in Sabina (RI) ha donato alla diocesi di Poggio Mirteto un terreno per la costruzione di una concattedrale.

Il Comune di Bassano del Grappa (VI) non ha concesso il passaggio sul Ponte di Bassano alla marcia contro l’omofobia, in programma sabato 14 maggio, per motivi di sicurezza. Nessun problema invece per la marcia podistica in occasione lo stesso giorno.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.