TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 23: sindaco, membri della giunta e consigliere regionale a messa

La clericalata della settimana è del sindaco di Canzo (CO), Giulio Nava, con altri membri della giunta, e del consigliere regionale ed ex sindaco Fabrizio Turba che hanno partecipato alla messa per i 40 anni di sacerdozio di un prete.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana

I sindaci e le autorità della zona di Barzio (LC) hanno partecipato con fascia tricolore alla messa per i 40 anni dall’ordinazione di un sacerdote.

Alla messa per i 50 anni di sacerdozio del vescovo Franco Agostinelli presenti anche il sindaco di Prato Matteo Biffoni, con fascia tricolore, e numerosi membri della giunta, nonché rappresentanti delle forze dell’ordine.

Il sindaco di Monticello Brianza (LC) Luca Rigamonti ha partecipato, con fascia tricolore e accompagnato da alcuni membri della giunta, alla messa e ai festeggiamenti per l’insediamento presso una parrocchia della zona di un nuovo parroco, originario proprio della cittadina.

Il Comune di Bologna, in occasione del Ramadan, ha promosso una serie di incontri su questa festività in collaborazione con la comunità islamica. Il sindaco Virginio Merola inoltre ha partecipato a una cena organizzata dai fedeli musulmani in occasione dell’iftar, il pasto che rompe il digiuno del Ramadan.
Il sindaco uscente di Vicenza, Achille Variati, nei giorni del suo commiato dall’amministrazione si è premurato di salutare varie realtà cittadine, tra cui il vescovo e diverse congregazione religiose cui è legato, partecipando a una messa come fece nel 1990 in occasione della sua prima nomina alla guida della città.

Il sindaco di Campolongo Maggiore (VE), Andrea Zampieri, con diverse autorità locali, era presente alla “messa per la legalità” celebrata dal vicario del vescovo di Padova in una villa confiscata a un ex boss della mafia del Brenta, luogo riutilizzato ora per attività sociali.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.