TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 24: Torri di Quartesolo apre il cimitero dei feti

La clericalata della settimana è del Comune di Torri di Quartesolo (VI) che ha istituito un cimitero per i feti abortiti, inaugurato dal sindaco Ernesto Ferretto, dall’assessore della Regione Veneto Elena Donazzan e dal direttore generale dell’Usl 8 di Vicenza Giovanni Pavesi.

Il Consiglio regionale del Veneto aveva approvato un emendamento per modificare la legge funeraria, su richiesta di alcune famiglie e delle organizzazioni anti-abortiste, introducendo la possibilità di sepoltura per i feti abortiti prima della ventottesima settimana di gestazione: il seppellimento può essere richiesto dai genitori, altrimenti se ne fa carico l’Usl.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana

In occasione della Giornata di preghiera per la pace nel mondo e per il primo anniversario dell’elevazione di papa Giovanni XXIII quale patrono dell’Esercito Italiano si è tenuta una cerimonia a Lamezia Terme (CZ) cui hanno partecipato le autorità civili locali e numerose rappresentanze dell’Esercito della Regione Calabria.

I consiglieri comunali di opposizione del Comune di Atessa (CH) Sara Cappellone, Nicola Cicchitti ed Enzo Pellegrini hanno chiesto la sfiducia dell’assessore Vincenzo Menna, “colpevole” di aver esultato in maniera ironica per il trasferimento di un prete locale presso altra parrocchia, disposto dall’arcidiocesi.

La giunta di Arezzo ha concesso il patrocinio all’associazione “Difesa dei valori” per la conferenza “Chiamata alla vita”, riguardante l’incontro con una giornalista “rinata in Cristo”.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.