TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 25: il Politecnico di Milano

giovanni-azzoneLa clericalata della settimana è del Politecnico di Milano, che ha presentato in pompa magna e con patrocinio gratuito il libro apologetico “La bellezza disarmata” di don Julián Carrón, presidente di Comunione e Liberazione: ad affiancare il religioso durante l’evento, il rettore Giovanni Azzone e il professor Emilio Faroldi.

Una passerella dell’integralismo ciellino legittimata dalle istituzioni accademiche che ha destato le proteste degli studenti laici.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Il consiglio comunale di Arezzo approva la proposta di imporre il crocifisso nell’aula, su iniziativa dei leghisti Tiziana Casi e Marco Casucci.

A Montalto Uffugo (CS) diversi rappresentanti della zona hanno partecipato alla sontuosa processione della statua della Madonna di Fatima: oltre al primo cittadino Pietro Caracciolo, anche i sindaci Antonella Blandi (di Lattarico) e Mario Bria (di Rose) e Camillo Borchetta per conto del sindaco di Luzzi, nonché il consigliere regionale Mauro D’Acri e le autorità militari, con carabinieri in alta uniforme.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, concede alla comunità islamica locale una sala della Villa Niscemi per l’iftar, la cerimonia religiosa che chiude ogni giorno il digiuno del Ramadan. Presenti oltre al sindaco e al presidente della Consulta delle culture, Adham Darawsha, anche i consiglieri e i consoli generali di Tunisia e Marocco, gli esponenti di altre comunità religiose e della curia.

Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto presenza alla messa per la consegna della chiave d’oro della città a san Francesco di Paola.

Il sindaco di San Salvo (CH) ha presenziato alla benedizione di due nuovi scuolabus, entrati in servizio per il trasporto degli alunni delle scuole dell’infanzia e della primaria. La cerimonia si è svolta nel cortile dell’Istituto comprensivo 2.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.