TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 26: il giubileo della politica

giubileo-politicaLa clericalata della settimana è dei politici, che hanno presenziato al “Giubileo degli uomini e delle donne impegnati nelle istituzioni pubbliche”, prima alla Pontificia Università Lateranense e poi alla messa nella basilica di San Giovanni.

Una kermesse esplicitamente clericale che ha visto la presenza tra gli altri dei ministri Angelino Alfano, Beatrice Lorenzin, Elena Boschi e Marianna Madia, della presidente della Camera Laura Boldrini, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, della presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi, della nuova sindaca di Roma Virginia Raggi (la sua prima uscita ufficiale, con tanto di fascia tricolore).

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, nomina padre Fedele Bisceglia assessore con delega al “contrasto alle povertà, al disagio, alla miseria umana e materiale, al pregiudizio razziale e religioso, alla discriminazione sociale”, in pratica come “ambasciatore degli invisibili e degli ultimi”. Il religioso è noto come leader ultrà locale ed è stato assolto dall’accusa di violenza sessuale su una suora.

Gian Luigi Gigli, parlamentare ex Scelta Civica (ora Democrazia solidale – Centro democratico) deposita alla commissione Affari Costituzionali della Camera una proposta di legge per introdurre l’obiezione di coscienza a favore del farmacista, in modo che possa “rifiutarsi, invocando motivi di coscienza, di vendere dispositivi, medicinali o altre sostanze che egli giudichi atti a provocare l’aborto”.

Il consiglio comunale di Aosta approva un ordine del giorno presentato da Andrea Manfrin (Lega Nord) per imporre il crocifisso nelle aule scolastiche. Il voto ha visto 14 favorevoli, 6 contrari (2 di Alpe, 1 di L’Altra VdA, 3 del Pd) e 6 astenuti (1 di Uv, 2 di M5S, 1 del Pd e 1 di SA).

La giunta di Cordenons (PN) annuncia la nomina di un assessore per il contrasto della “propaganda gender”: è Lanfranco Lincetto, eletto con Il Popolo della Famiglia di Mario Adinolfi.

Il sindaco di Palazzago (BG),Michele Jacobelli, caratterizza in senso clericale il giuramento per assumere il suo incarico.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.