TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 40: Forlì

forli_consLa clericalata della settimana è del consiglio comunale di Forlì, che ha respinto una mozione di Simone Benini e Daniele Vergini (M5S) per stanziare a favore delle scuole gli oneri di urbanizzazione secondaria, di solito invece destinati all’edilizia di culto.

Nella proposta è stata citata proprio l’inchiesta dell’Uaar sui costi della Chiesa e un parere recente della Regione Emilia-Romagna in cui veniva chiarito che tali stanziamenti pubblici per gli edifici di culto non fossero obbligatori. La maggioranza Pd ha però votato contro, tranne il consigliere Zanetti.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

La Regione Lombardia ha approvato una legge per incentivare “turismo culturale e radici cristiane”, dal carattere fortemente identitario.

Diverse autorità hanno partecipato il 29 settembre alla messa per il santo patrono della Polizia, San Michele Arcangelo, officiata dall’arcivescovo ordinario militare per l’Italia monsignor Santo Marcianò a Roma: il ministro dell’Interno Angelino Alfano, il capo della Polizia Franco Gabrielli, il prefetto di Roma Paola Basilone. Conclusa la cerimonia il prelato ha consegnato al prefetto la bolla con cui Pio XII nel 1949 ha proclamato il santo patrono.

Il sindaco di Rossano (CS) Stefano Mascaro ha partecipato con fascia tricolore ai festeggiamenti per san Nilo, il patrono della cittadina, sfilando durante la processione e consegnando simbolicamente le chiavi della città a un idolo del venerato santo. Non pago, nel discorso tenuto ha strumentalizzato il concetto di laicità per giustificarsi e ha esaltato la Chiesa cattolica.

Il sindaco di Ginosa (TA) Vito Parisi ha partecipato con fascia tricolore alla processione della festa patronale, consegnando poi simbolicamente le chiavi della città a un idolo della Madonna.

Il sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, e il consigliere delegato all’Istruzione nonché preside dell’istituto tecnico di Sacile (PN), Alessandro Basso, hanno inviato una lettera su carta intestata del Comune a scuole pubbliche e famiglie per invitarle a partecipare alla messa di inizio anno scolastico officiata dal vescovo.

Il sindaco di Pozzallo (RG) Luigi ammatuna ha partecipato alla processione e alla messa per San Pio in veste ufficiale e un mezzo della Protezione Civile regionale ha fatto sfilare la statua del frate di Pietrelcina.

Il sindaco di Favria (TO) Serafino Ferrino, già sentinella in piedi, ha dichiarato che non intende celebrare unioni civili e nemmeno delegare un pubblico ufficiale che lo sostituisca.

La sindaca di Sulmona (AQ) Annamaria Casini ha presenziato all’inaugurazione della controversa statua dedicata alla visita di Benedetto XVI nel 2010, la cui posa è stata contestata dai nostri attivisti locali. Presente alla cerimonia anche il sindaco di Burghausen, cittadina tedesca gemellata con Sulmona che ha finanziato l’opera con circa 20 mila euro.

I leghisti Marco Casucci e Tiziana Casi hanno esultato per il posizionamento del crocifisso nella sala consiliare di Arezzo, a seguito di una loro iniziativa clericale approvata dal consiglio.

La giunta di Trieste ha deciso all’unanimità l’intitolazione della nuova caserma della polizia locale a San Sebastiano. Nella delibera si parla di “un’intitolazione significativa per la storia e le tradizione della Polizia locale che travalichi i sentimenti e le mode di un determinato momento, luogo o periodo storico”.

Il Comune di Uri (SS) ha festeggiato sulla pagina Facebook istituzionale l’ordinazione di un nuovo sacerdote.

Come menzione speciale per questioni non connesse al clericalismo ma relative alla promozione di pratiche pseudoscientifiche, da segnalare due iniziative prese da parlamentari. Una è il convegno organizzato dal senatore Maurizio Romani, vicepresidente della commissione Igiene e Sanità, sulle medicine “tradizionali, complementari e non convenzionali” il 29 settembre, contestato dal Cicap. L’altra è la proiezione in un’aula del Senato del “documentario” complottista anti-vaccinista Vaxxed, organizzata dall’onorevole Bartolomeo Pepe e prevista il 4 ottobre. In questo caso le proteste hanno portato alla cancellazione dell’evento, con la presa di distanza del presidente del Senato Pietro Grasso e del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

La redazione

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.