TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 47: milioni ai cattolici nella legge di bilancio

senatoLa clericalata della settimana è dei politici che hanno presentato emendamenti alla Legge di Bilancio 2018 per stanziare 1,5 milioni di euro alla Fondazione Graziadio Isaia Ascoli per la trasmissione della cultura ebraica, 1,1 milioni per chiese di Aulla e Villafranca in Lunigiana (MS), 600 mila euro in due anni all’Istituto Don Luigi Sturzo a Roma, 500 mila euro all’abbazia di San Caprasio.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Con il periodo natalizio ricomincia la battaglia dei clericali per promuovere i simboli religiosi nelle scuole. Il consiglio regionale del Veneto ha approvato la mozione presentata da Andrea Bassi, Stefano Casali e Fabiano Barbisan del gruppo Centro Destra Veneto per costituire uno specifico capitolo nel bilancio volto a finanziare la preparazione di presepi nelle scuole. Il consiglio comunale di Trieste ha votato all’unanimità una mozione, presentata da Everest Bertoli (FI), per allestire in ogni edificio pubblico ed istituto scolastico il presepio. Anche il consiglio comunale di Orbassano (TO) ha chiesto alle scuole della zona di esporre il presepe.

La Commissione tributaria provinciale di Bologna ha deciso di non far pagare l’imposta sugli immobili a due istituti scolastici religiosi di Imola e ad uno di Borgo Tossignano. La città di Imola esigeva un totale di 33 mila euro, mentre l’altra amministrazione 3.300 euro. Entrambi i Comuni hanno presentato ricorso.

Il deputato leghista Alessandro Pagano ha consegnato al preside della scuola “Ragusa Moleti” di Palermo, Nicolò La Rocca, una statua della Madonna per farla posizionare nell’istituto. Una bizzarra forma di protestacontro la circolare del dirigente che tentava di arginare la deriva confessionale nella scuola stessa.

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è intervenuto nel dibattito sull’approvazione della legge riguardante il biotestamento con parole sprezzanti: “Più che di fine vita io mi preoccupo della vita”.

La redazione

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.