TwitterFacebookGoogle+

La clericalata della settimana, 9: la Lega dona crocifissi al Comune della Spezia

La clericalata della settimana è della Lega Nord che ha donato trenta crocifissi al Comune della Spezia, da affiggere negli uffici pubblici come “Simbolo di identità”. L’iniziativa dopo l’approvazione della mozione in merito, presentata nel novembre scorso dallo stesso partito.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana

L’Azienda socio sanitaria territoriale di Brescia ha rinnovato le convenzioni con la diocesi per l’assistenza spirituale negli ospedali della zona. Per garantire la presenza di preti e suore in corsia fino al 2022, l’ASST ha stanziato 243mila euro.

Il bus “delle libertà”, iniziativa di gruppi integralisti cattolici contro il “gender”, è arrivato anche a Bologna. Tra i promotori, Carlo Giovanardi, che si è appellato agli insegnanti affinché non dicano a “bimbi innocenti” che esistono le persone omosessuali. Sulla questione si è discusso anche in consiglio comunale: la sinistra ha presentato un ordine del giorno per invitare il consiglio a prendere le distanze da qualsiasi forma di discriminazione di genere. L’odg ha diviso la maggioranza Pd, non incassando il favore dei consiglieri Raffaella Santi Casali e Piergiorgio Licciardello.

Il Comune di Volpago del Montello (TV) ha assegnato un contributo di 4mila euro a una parrocchia per il trasporto di opere artistiche.

Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, durante un comizio a Roma ha espresso preoccupazione per un ipotetico coming out lesbico di Elsa, protagonista del cartone animato Frozen. “Una responsabile Disney ha detto che stanno valutando se Elsa potrà essere gay”, ha dichiarato allarmato, “ci stanno preparando ad un mondo al contrario”.

La redazione

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.