TwitterFacebookGoogle+

La coalizione americana bombarda in Siria ma uccide 18 curdi alleati. 'Un errore'

La coalizione a guida americana ha bombardato l’11 aprile scorso una postazione curda nella siriana Tabqa, e ha ucciso almeno 18 ribelli impegnati a combattere contro l’Isis. A darne notizia è stato il Pentagono affermando che si è trattato di un errore. “Il raid – ha affermato Washington – era stato richiesto dai nostri partner militari, che avevano identificato una postazione dell’Isis” ma in realtà “nel mirino sono finite le Forze democratiche siriane”, alleate degli Usa nella lotta all’Isis. Tabqa è l’ultima roccaforte dello Stato islamico prima di Raqqa, da cui dista circa 40 km. L’offensiva per riconquistarla comincio’ il 21 marzo scorso. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.