TwitterFacebookGoogle+

La crisi Usa-Nordcorea in 3 punti

Gli Stati Uniti sarebbero pronti a lanciare un attacco con ordigni convenzionali sulla Corea del Nord se l’intelligence fosse certa che Pyongyang sia sul punto di effettuare un nuovo test nucleare, atteso secondo molti analisti domani 15 aprile, giorno del 105 anniversario della nascita del nonno e fondatore della dinastia Kim al potere in Corea del Nord, Kim Il-sung.

Quali forze Trump ha mandato verso la Corea del Nord

  • Portaerei a propulsione nucleare Carl Vinson
  • 6 cacciatorpediniere classe Arleigh Burke
    • Due a meno di 500 km dal sito dove si sono effettuati i precedenti 5 test nucleari nordcoreani
  • Un incrociatore classe Ticonderoga
  • Sottomarini da attacco
  • Bombardieri pesanti Usa B-52 e B-2 Spirith (stealth, invisibili ai radar) nella base di Guam.

Cosa ha detto Trump a Pyongyang

“La Corea del Nord è un problema. Un problema di cui ci occuperemo”

“Ho grande fiducia che la Cina si occuperà correttamente della Corea del Nord. Ma se non saranno in grado di farlo, lo faranno gli Stati Uniti con i loro alleati”

Cosa ha risposto il regime di Kim

“Non terremo le braccia incrociate di fronte a un attacco preventivo degli Stati Uniti: Se gli Stati Uniti faranno manovre spericolate, li affronteremo con i nostri attacchi preventivi”

“Faremo fronte a qualsiasi cosa arrivi dagli Stati Uniti. Siamo assolutamente preparati”

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.