TwitterFacebookGoogle+

La donna morta al Luna Park si è slacciata la cintura sulla Fionda? Video

Tragedia nel luna park di San Benedetto del Tronto, nelle Marche: una mamma di 27 anni, Francesca Galazzo, è precipitata da un’altezza di 20 metri ed è morta. E’ accaduto intorno alle 23 di venerdì sera: la giovane sambenedettese era salita sull’attrazione, una capsula gravitazionale denominata ‘Fionda’, o anche ‘Sling Shot’, in compagnia della madre e di un’amica. Era stata legata a un dispositivo di sicurezza dal personale della giostra. La giostra in questione dura circa un minuto durante il quale la capsula viene lanciata verso l’alto a tutta velocità da una sorta di fionda costituita dalle corde elastiche agganciate in cima a due pali laterali.

Ecco come funziona la Palla (le immagini di questo video sono prese da un altro luna park, ma l’attrazione è la stessa ed è molto diffusa nei parchi divertimento).

Leggi la ricostruzione sul Tirreno

Secondo alcune testimonianze, a un certo punto si sarebbe slacciata la cintura, forse per un attacco di panico, ed è caduta giù, ma la dinamica esatta è ancora da accertare. Immediato l’intervento del personale del 118 ma ogni tentativo di rianimazione è stato vano. La ragazza lascia un figlio di due anni e mezzo.  Il sindaco di San Benedetto, Pasqualino Piunti, ha parlato di “tragedia immane” che ha colpito tutta la comunità. La giostra è stata posta sotto sequestro dalla Procura di Ascoli Piceno e sul posto sono arrivati gli uomini della Scientifica, il medico legale e il magistrato che indaga sull’incidente. Una ricostruzione dettagliata anche sul sito Rivieraoggi.it

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.