TwitterFacebookGoogle+

La fine del cristianesimo giudaico (Parte seconda). 127

L’imperatore Adriano, non pago degli stravolgimenti radicali operati a Gerusalemme e in Palestina, proibì anche a tutti gli ebrei, che si erano salvati nella fuga, di rientrare, pena la morte, nei loro territori e nella nuova Gerusalemme, ribattezzata Aelia Capitolina. Da allora ebbe inizio la vera diaspora ebraica che durò fino alla nascita dello Stato d’Israele nel 1948. Sotto il nome di nazirei e di ebioniti, i pochi cristiano-giudei salvatisi con la fuga continuarono a sopravvivere in piccoli gruppi sparsi in Siria e Asia, considerati eretici dalla chiesa trionfante di Paolo, come ci attestano i Padri della Chiesa. Essi continuarono ad usare solo il Vangelo originale degli Ebrei, in lingua ebraica, e rimasero osservanti scrupolosi della Legge, rifiutando tutte le invenzioni teologiche di Paolo. Tra di loro c’erano i discendenti di Gesù. Credevano ancora che Gesù sarebbe ritornato come Messia e Re per instaurare sulla Terra un regno millenario di pace, giustizia e prosperità. I resti della nazione ebraica, scampati alla strage e scacciati dalla Palestina, furono costretti, di fronte ad un avvenimento così catastrofico, a riesaminare la loro storia. Allora divenne a tutti chiaro che il messianismo era stato una stolta, assurda e delirante chimera, dalla quale bisognava subito e definitivamente prendere le distanze, perché la sconfitta suonava come un giudizio inappellabile di Dio. Le Apocalissi passarono subito di moda e Roma cessò di essere la grande Meretrice, la grande Babilonia assetata del sangue dei martiri e l’Impero non fu più considerato il regno del maligno e delle potenze sataniche ma l’espressione della volontà divina, cui tutti, anche i cristiani, dovevano sottostare. Mentre il cristianesimo più antico si spegneva in solitudine, quello pagano-cristiano degli ellenisti cresceva rapidamente nel mondo greco-romano e dava inizio all’attuale religione cristiana-cattolica per opera di Paolo di Tarso, il vero e assoluto fondatore del cristianesimo.

Original Article >> http://impegno-laico.blogspot.com/2014/04/la-fine-del-cristianesimo-giudaico.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.