TwitterFacebookGoogle+

“La pedofilia è una malattia, non darò mai la grazia a chi se ne macchia”

“Vi ringrazio per il vostro lavoro. Non è stato facile cominciare questo lavoro. Voi avete dovuto nuotare contro corrente perché c’è una realtà, la coscienza su questi delitti, che la Chiesa ha preso, è arrivata un po’ tardi. E quando la coscienza arriva tardi i mezzi per risolvere il problema arrivano tardi. È la realtà: la antica pratica di spostare da una diocesi all’altra ha addormentato un pò le coscienze, anche se alcuni sono stati profetici, come il cardinale O’Malley vostro presidente”. Con queste parole Papa Francesco si è rivolto questa mattina alla Pontificia Commissione per la protezione dei minori, presieduta dal cardinale di Boston Sean O’Malley. 

Le dimissioni di due membri della commissione

Papa Francesco, che ha consegnato e non letto un lungo e articolato discorso, precisando che il suo contenuto resta valido e importante, ha voluto affrontare a braccio il problema che nei mesi scorsi ha messo in crisi la Commissione portando alle dimissioni di due membri, che erano proprio gli unici rappresentanti delle vittime nell’organismo: il rapporto con la Congregazione della Dottrina della Fede, criticata per la sua lentezza. Una situazione che ha portato tra l’altro alla non riconferma del suo prefetto, il cardinale Muller prepensionato quest’estate da Francesco (La Stampa).

“È grave il problema. È grave che alcuni non ne abbiano preso coscienza”

In merito a tali lentezze, la cui esistenza ha ammesso essere un problema reale, Bergoglio ha detto testualmente: “Credo che per il momento risolvere il problema degli abusi deve essere sotto la competenza della Congregazione della Dottrina della fede. Questo è stata una cosa pratica, che la Chiesa ha sempre fatto, come per la riduzione allo stato laicale dopo il Concilio: l’ha presa sempre la Congregazione della Dotttrina della Fede. Poi quando la cosa si è sistemata, è passata ad altri dicasteri in quel caso quello del culto e quello del clero. Alcuni chiedono che il tema degli abusi vada direttamente al sistema giuduiziario, cioè al Tribunale della Rota e alla Segnatura. Ma in questo momento è grave il problema ed è grave che alcuni non abbiano preso vera coscienza del problema” (La Repubblica).

“La commissione va un po’ aggiustata”

“Ci sono – ha continuato Francesco – tanti casi che non avanzano, non vanno avanti, questo è vero. Col nuovo segretario della Congregazione (monsignor Giacomo Morandi, ndr) che sarà consacrato arcivescovo, si sta cercando di prendere più gente che lavori nella classificazione dei processi. Il primo problema è studiare i dossier. Poi nella Feria IV si risolve (cioè si emette la sentenza, ndr)”. Il Papa ha citato infine “le lamentele che il processo non era valido” per mancanza di un diverso tribunale di appello, in quanto la stessa riunione (la Feria IV, cioè del mercoledì) giudicava anche gli appelli. Per questo, ha concluso, “si è fatta quella Commissione per ricevere i ricorsi. Una Commissione che lavora bene ma deve essere aggiustata un po’ con l’inserimento di qualche vescovo diocesano che conosca il problema proprio in sito”.

“Pedofilia è una malattia, non darò mai la grazia a chi se ne macchia”

 “Un abuso sui minori, provato, è sufficiente per non ricevere il ricorso. Se ci sono le prove la pena è definitiva. Non per un’avversione: la persona che fa questo, uomo o donna, è malata. E’ una malattia e oggi lui si pente ma poi dopo due anni ricade. Dobbiamo metterci in testa che è una malattia”. Lo ha affermato Papa Francesco parlando alla Pontificia Commissione per la protezione dei minori. Il Papa ha spiegato ai membri del nuovo dicastero che intende “bilanciare” la tendenza ad abbassare la pena dei canonisti che si occupano degli appelli riguardo alle sentenze per abusi sui mionori. Poi ha aggiunto: “Quanto alla richesta di grazia al Papa, io per questi crimini non firmo grazie”.  “In un solo caso ho accolto il provverdimento di un vescovo, quello di Crema, che toglieva tutti i ministeri al sacerdote colpevole, ma non lo stato clericale. Davanti alle due possibilità ho scelto la più benevola. Ma dopo due anni questo è ricaduto. E’ stata l’unica volta che ho sbagliato, ma da questo sbaglio ho imparato” (Corriere). 

 

 

 

 

 

 
 
 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.