TwitterFacebookGoogle+

La protervia di Obama ed Erdogan

La protervia di Obama ed Erdogan08/10/2014 – di
 
Se non fosse per i barconi carichi di disgraziati che s’inabissano senza soluzione di continuità nel Mediterraneo, dello scatolone di sabbia, cioè della Libia, non si parlerebbe quasi più: per vergogna. Nel paese delle piramidi, intanto, il “laico” Al-Sisi, che già scruta con voluttà il caos libico nella speranza di fare dell’ex “regno” di Gheddafi un protettorato egiziano, si rivela un autocrate molto più ruvido e megalomane del “laico” Mubarak: ma nessuno lo chiama “dittatore”. Mentre in Siria la guerra civile che si è voluto con incredibile leggerezza far scoppiare a tutti i costi ha fatto 200.000 morti e siamo ormai ridotti al punto di dover quasi “tifare” per Assad. Ecco dove ci ha condotto la politica estera di un Occidente fatuo e furbacchione.
Eppure non era poi tanto difficile prevedere questo disastro se tre anni e mezzo fa, all’inizio della caccia grossa a Gheddafi scrivevo, proprio su queste colonne, prendendo per l’orecchio i vari Sarkozy, Cameron e Obama: «Esiste una virtù, sempre trascurata, che si chiama temperanza. Vale per gli uomini. Vale pure per le nazioni. E’ una virtù, perché è figlia di una visione complessiva delle cose. Senza quella, la logica degli interessi diventa ottusa. Il realismo si muta in furbizia ed opportunismo. Senza quella, la retorica democratica e umanitaria suona come una moneta falsa. (…) Visioni parziali conducono a vicoli ciechi.»
Ed infatti adesso nessuno sa più dove diavolo andare a sbattere la testa. Tanto più che nascosta dai fumi del caos è prosperata nel frattempo la potenza dell’Isis; e tanto è prosperata che ad un certo punto il nero Califfo del XXI secolo ha deciso di mostrarsi al mondo. Ciononostante, anche nella decisione di Obama ed Erdogan di fare finalmente la guerra sul serio al Califfo a farla da protagonisti sono una certa doppiezza ed un machiavellismo da strapazzo. I nostri due strateghi si sono infatti accorti che in fondo, con la “scusa” della guerra all’Isis, americani e turchi possono prendere due piccioni con una fava, possono cioè mettere piede in Siria e far fuori anche Assad: gli americani perché preoccupati di un eventuale asse scita tra Iran, quello che resta dell’Irak, e la Siria di Assad; il leader turco per cominciare a mettere in atto quella politica di potenza con la quale flirta da lustri. Segno che la lezione non è stata affatto imparata.

Ultime Notizie

La protervia di Obama ed Erdogan

La bufala del suicidio di Stephen Collins (Eric Camden) di Settimo Cielo

9:03 La voce circola su Twitter, ma è falsa CONTINUA

La protervia di Obama ed Erdogan

Beppe Grillo “blocca” (e cancella?) le mail ai parlamentari M5S

8:22 Su Libero un retroscena: durante una riunione del gruppo pentastellato ci si lamenta del mail-gate. E qualcuno sospetta CONTINUA

baby squillo parioli 1

Baby squillo: è boom, allarme della Procura di Roma

7:51 Casi quadruplicati in un solo anno, le indagini si estendono a siti internet e discoteche: e per il 2015 previsto un’ulteriore crescita del 145% CONTINUA

La protervia di Obama ed Erdogan

Jobs Act, oggi la sfida della fiducia in Senato

7:38 Il testo arriverà soltanto oggi. Nonostante le resistenze, Renzi è convinto: «Non temo agguati». Modifiche nell’emendamento dell’esecutivo, ma sul nodo articolo 18 deciderà il governo con i decreti attuativi. Sgravi fiscali per chi assume a tempo indeterminato CONTINUA

ospedale 1

Sanità, ecco gli ospedali che sprecano di più

7:10 Il dati del ministero della Salute rivelano uno squilibrio nei costi sostenuti per gli stessi servizi da diverse strutture CONTINUA

Foto: AFP/Getty Images

La protervia di Obama ed Erdogan

7:08 Se non fosse per i barconi carichi di disgraziati che s’inabissano senza soluzione di continuità nel Mediterraneo, dello scatolone di sabbia, cioè della Libia, non si parlerebbe quasi più: per vergogna. Nel paese delle piramidi, intanto, il CONTINUA

Original Article >> http://www.giornalettismo.com/archives/1626689/protervia-obama-ed-erdogan/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.