TwitterFacebookGoogle+

La provincia turca di Batman vuole che i suoi confini assomiglino al Bat-Segnale

In Turchia hanno battezzato con il nome di Batman un fiume, affluente del Tigri, una città e una provincia. No, non si tratta di fan sfegatati che hanno deciso di rendere omaggio al loro supereroe, creato nel 1939 da Bob Kane e Bill Finger, ma di appellativi derivati, forse, da una montagna vicina, chiamata Bati Raman, o da un’unità di misura storica ottomana, il Batman per l’appunto, che sarebbe l’equivalente odierno di circa 6 libbre (2,7 chilogrammi). Per diversi secoli, il villaggio venne identificato con il nome “Iluh” ma tutto cambiò con la scoperta del più grande giacimento di petrolio della nazione. Erano gli anni ’40 e quelle terre non sarebbero più state le stesse. 

Risorse e futuro

La provincia di Batman, una delle 81 del Paese governato da Erdogan, si trova nella parte sud orientale dell’Anatolia ed è abitata da quasi 600mila abitanti. Si tratta di una delle zone più ricche di petrolio della Turchia, con un importante oleodotto e una raffineria storica, costruita nel 1955. Negli ultimi mesi, Batman è stata anche al centro di una questione che riguarda la costruzione di una diga che starebbe mettendo a rischio alcuni manufatti di grande valore storico della zona. Come questo bagno turco di 800 anni che è stato spostato in maniera spettacolare.

La pseudo-denuncia

Dieci anni fa, la città salì alla ribalta delle scene perché il sindaco di allora, Huseyin Kalkan, annunciò una denuncia nei confronti della Warner Bros, e del regista Christopher Nolan, per aver utilizzato quel nome in alcuni film senza chiedere l’autorizzazione e senza aver corrisposto le royalties. Una provocazione che non arrivò mai in tribunale ma che catturò l’attenzione di moltissimi appassionati sorpresi nel saper che nel mondo esisteva una regione con quel nome (e non è l’unica). “I produttori americani hanno usato il nome della nostra città senza informarci” disse allora il sindaco, ignorando come la parola Batman fosse comparsa almeno un decennio prima nei fumetti rispetto alla toponomastica turca. 

La nuova petizione: il Bat segnale!

Vi starete chiedendo perché questa storia è inserita all’interno di un blog, mappe, che parla sostanzialmente di cartografia e infografiche. Beh, il motivo è semplice. E parte dall’iniziativa di Kemal Atakan Kirca, un cittadino residente a Batman che ha lanciato una petizione su Change.org per cambiare i confini del territorio. Una condizione necessaria, secondo l’uomo, per proiettare la regione nel futuro rilanciandone turismo e investimenti. La proposta di rimodellamento non è casuale ma fa ancor di più  l’occhiolino al Batman dei fumetti, con la riproposizione del Bat-Segnale, il marchio luminoso a forma di pipistrello che appare nel cielo e che rappresenta la natura pipistrellesca dell’eroe. In appena due settimane è stato superato il traguardo delle 20 mila firme ma c’è chi è andato anche oltre. Tra i firmatari stanno aumentando i consensi per chi vorrebbe cambiare il nome della provincia in Gotham, la città difesa da Batman, completando così questa strana commistione tra realtà e fantasia, geografia e invenzione.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.