TwitterFacebookGoogle+

La repubblica delle donne

Articolo di Monica Ricci Sargentini (Corriere 30.1.17)

“”C’è un arcipelago nei Caraibi dove si celebra la giornata dell’uomo e ai bambini a scuola viene insegnato che, se si concentrano e ci credono, anche loro possono conquistare ruoli di rilievo nella società proprio come le coetanee. Accade a Turks e Caicos, 28 tra isole e atolli in un mare color smeraldo, uno dei territori oltremare del Regno Unito. Qui le donne hanno rotto quel soffitto di cristallo che negli Stati Uniti ha fermato la corsa di Hillary Clinton. Lo scorso dicembre è stata eletta la prima premier, Sharlene Cartwright-Robinson ma sono donne anche la vice governatrice, la procuratrice generale, la capo dei magistrati e cinque dei sette ministri. Certo parliamo di un territorio di 417km quadrati che ha una popolazione di 35 mila abitanti e di cui pochi hanno sentito parlare se non come meta di vacanze. Una magra consolazione rispetto alla presidenza di una superpotenza come l’America. Tuttavia Turks e Caicos è diventato un laboratorio, una dimostrazione di come le donne al potere possano portare un valore aggiunto. «Facciamo più attenzione ai dettagli – dice la neo premier – e mettiamo sempre un tocco personale nel nostro lavoro». Cartwright-Robinson,46 anni, ha portato alla vittoria il suo partito, il Movimento Democratico Popolare (Pdm), dopo 13 anni di governo del Partito Nazionale Progressista il cui leader è sotto processo per corruzione. E per farlo ha dovuto battere altri 52 candidati. «Voglio celebrare le donne del mio Paese che stanno rompendo il soffitto di cristallo – ha detto la premier alla Bbc —, questo dimostra la maturità dei cittadini di Turks e Caicos». Un altro esempio da seguire è quello di Rhondalee Braithwaite-Knowles che nel 2014 è diventata la prima procuratrice generale dell’arcipelago dopo una selezione serrata che aveva attratto candidati da tutto il mondo. Oggi dei 17 studenti che studiano da avvocato all’estero 14 sono donne. «Noi donne abbiamo un’intelligenza emotiva che ci aiuta a risolvere i conflitti e questo conta nella professione».
Completa il trio del potere Anya Williams, la vice governatrice che il 21 dicembre ha iniziato il suo secondo mandato. È lei a far funzionare la macchina dell’amministrazione pubblica con 1.700 dipendenti. In questa situazione è ovvio che il dipartimento delle Pari Opportunità si concentri di più sull’ empowering dei maschi. «È giusto avere una società equilibrata dal punto di vista del genere – dice Williams —. Io ho un bambino e vorrei che avesse le stesse opportunità e motivazioni delle femmine».””

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.