TwitterFacebookGoogle+

La sabbia delle spiagge sarde si vende su eBay, e arrivano multe da 3 mila euro

La sabbia della Sardegna sembra andare a ruba. E non è un modo di dire. Anche quest’anno spiacevoli sorprese sono state trovate dentro le valigie dei vacanzieri al rientro dall’isola: bottigliette e sacchetti pieni di sabbia rubata dalle spiagge. Un’abitudine che nonostante i controlli e le multe salate sembra dura a morire. Nel 2016, 5 tonnellate di sabbia sono state sequestrate negli aeroporti sardi ai turisti che cercavano di portarsela a casa.

 

Una multa da 1000 euro per i primi trasgressori

L’ultimo caso risale al 21 agosto scorso, quando all’aeroporto di Elmas a Cagliari – si legge su Sardegna Oggi – sono state fermate ai controlli 4 persone che in valigia avevano sabbia, sassi e conchiglie. Per loro la multa è stata di 1000 euro a testa, da pagare entro 60 giorni o attendere l’ingiunzione da parte del Corpo Forestale. Questi ladri di sabbia saranno ricordati in tutta l’isola per essere stati i primi su cui è stata applicata la sanzione stabilita dal secondo comma dell’articolo 40 della nuova legge regionale sul Turismo.

Ma cosa ci fanno i turisti con la sabbia delle vacanze?

Per molti è un souvenir da tenere a casa, per altri, invece può trasformarsi in un vero e proprio business. Ci sono stati molti casi di vendita di sabbia dell’isola su eBay. Sul sito di e-commerce – scrive La Nuova Sardegna – nella versione tedesca più volte è stata trovata in vendita la sabbia di diverse località turistiche: dal Poetto a Cala Sinzias, dalla spiaggia di Maria Pia ad Alghero, ai granelli preziosi di Porto Pollo in Gallura. I prezzi oscillano tra i 2,5 euro ai 10. La sabbia del Poetto, di Cala Sinzias, di Sant’Elmo e di Maria Pia ad esempio è stata venduta per 2,5 euro, mentre i granelli dello scoglio di Peppino a 5,99. Con 9,99 euro di un ‘compra subito’ si poteva acquistare invece la sabbia pregiata di Porto Pollo.

Le sanzioni per proteggerla

L’anno zero della tutela ambientale è finalmente arrivato anche negli aeroporti sardi. Da quest’anno le rilevazioni ai raggi x sui bagagli imbarcati in cabina avrà un riscontro immediato. La scoperta di un carico di sabbia, anche di piccoli dimensioni, non si fermerà al semplice sequestro amichevole che veniva attutato fino all’anno scorso. Nella nuova legge sul Turismo sono previste sanzioni da 500 a 3mila euro per chi ruba i pregiati granelli dai litorali isolani. Una scelta inevitabile per stroncare un fenomeno in crescita, anche perché le campagne di sensibilizzazione non hanno fatto breccia sulla volontà predatoria di alcuni turisti che non sono riusciti a rinunciare allo speciale e gratuito souvenir. La sabbia recuperata sarà esaminata e riposizionarle nella spiaggia di provenienza.

Il ruolo importante del Corpo forestale

Insieme alla legge sul Turismo la giunta regionale ha chiarito che l’irrogazione della sanzione per il possesso o l’asportazione di sabbia deve essere svolta dal Corpo forestale. “Il Corpo forestale, che negli anni ha consolidato la competenza in materia, potrà finalmente portare a conclusione ogni violazione curando tutto il procedimento, dalla contestazione fino all’irrogazione e all’eventuale contenzioso, avendo un’esperienza pluridecennale e una solida organizzazione”, puntualizza l’assessora della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.