TwitterFacebookGoogle+

La storia di Paolo Borrometi è sul New York Times. Insieme a quella di altri 200 giornalisti minacciati

La storia di Paolo Borrometi è sul New York Times. Il quotidiano racconta la quotidianità del giornalista, collaboratore dell’Agi, minacciato dalla mafia per i reportage realizzati sul suo sito ‘La Spia‘.

Il giornale lo ha intervistato in una corrispondenza da Roma al termine di un suo intervento in un liceo della Capitale, uno dei tanti in cui è impegnato quando non è al lavoro sulle inchieste per svelare i legami tra Cosa Nostra e il mondo degli affari. Proprio i suoi reportage sul business ortofrutticolo della Sicilia Orientale nelle mani della mafia ha innescato la spirale di ritorsioni e violenze che lo ha costretto a lasciare la Sicilia per trasferirsi a Roma, dove hanno continuato a raggiungerlo le minacce di morte.

La più recente è stata svelata da una intercettazione ambientale in cui un boss del Ragusano lamenta che Borrometi sia ancora libero di scrivere e suggerisce di fare “un fuoco d’artificio” come quelli degli anni ’90 (il riferimento è alle stragi di Capaci e via D’Amelio del 1992 e agli attentati di Roma e Firenze del 1993).

L’articolo del New York Times parla anche di Lirio Abbate, giornalista dell’Espresso scampato miracolosamente a un attentato a Palermo di Federica Angeli, impegnata a portare alla luce gli interessi dei clan nelle periferie della capitale. Ma anche di Roberto Saviano, noto negli Stati Uniti per i suoi romanzi e la fortunata serie tratta da ‘Gomorra’. E sottolinea che sono decine i giornalisti minacciati dalla criminalità nel nostro Paese.

Ad arricchire il reportage anche la testimonianza del magistrato della Procura di Palermo, Nino di Matteo, e di Pauline Adès-Mével, responsabile per l’Europa di Reporters Senza Frontiere. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.