TwitterFacebookGoogle+

LA TRAGEDIA GRECA

Si tratta in verità di una sovranità spodestata che rende l’Europa un deserto dove comanda il potere dei creditori.
Gustavo Zagrebelsky, su Repubblica di oggi compie una articolata riflessione da cui riporto queste poche righe: “Se oggi diciamo che lo Stato può fallire, è perché il suo attributo fondamentale, la sovranità, è venuto a mancare. Di fronte a lui si erge un potere che non solo lo può condizionare, ma lo può spodestare. Lo Stato china la testa di fronte a una nuova sovranità, la sovranità dei creditori”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.