TwitterFacebookGoogle+

La vera identità del Gesù dei Vangeli 26

Le differenze teologiche allora esistenti fra le molte dottrine in embrione diedero origine, durante il concilio di Nicea, a scontri anche violenti poiché ognuna di esse si considerava unica depositaria della vera “Rivelazione sulla Verità della Salvezza”, o della vera “Sostanza del Salvatore”, o della “gnosi del Figlio a forma del Padre” o di quante “Potenze o Sostanze” dovesse essere composto “Il Verbo” o il “Logos”, e così via. Finché non venne trovata la soluzione definitiva sulla “transustanziazione”, cioè “il rituale attraverso il quale si attua la presenza reale del Corpo e del Sangue di Gesù nell’Eucaristia, con la conversione del vino nel Sangue e del pane nel Corpo di Gesù Cristo rimanendo immutate solo le apparenze del pane e del vino”.

Gli scontri dottrinari si susseguirono fino al IV secolo per cui si rese necessario indire Concili su Concili per tentare di “conciliare” dottrine scismatiche che si accusarono reciprocamente, come “eretiche”, “apostate” o “folli”. Dottrina contro dottrina, vescovi contro vescovi, cristiani contro cristiani. Le eresie anatemizzate furono alcune decine: Ariani Pneumatomachi, Basilidiani, Docetisti, Marcioniani, Donatisti, Pelagiani, Monofisiti, Nestoriani, Abelliani, Valentiniani, Montaniani e via discorrendo.

Solo nel IV secolo, col massiccio appoggio imperiale e la promulgazione dell’Editto di Tessalonica con il quale il cattolicesimo venne imposto come religione dell’Impero, tutte le dottrine cristiane dichiarate “eretiche”, soprattutto quella fondata sulla “gnosi” più adatta ad asceti portati all’esaltazione mistica che ai semplici fedeli attratti soprattutto dal mito della resurrezione dei corpi, furono eliminate, con i rispettivi Vangeli, lasciando vincente il Cristianesimo che perdura fino ai nostri giorni, e tutte le opere dei polemisti anticristiani che avevano messo in luce le incongruenze e le contraddizioni dell’evoluzione della nuova dottrina, come gli scritti di Celso e Porfirio, furono messe al rogo.

L’odio che imperversava tra i cristiani in quell’epoca di lotte fratricide viene così descritto da Ammiano Marcellino, il maggiore degli storici imperiali del IV secolo nelle sue “Res Gestae” del 378 d.C.:”Nessuna bestia feroce è ostile a se stessa come la maggior parte dei cristiani fra loro” (Res Gestae, XXII 5,3-4). E il frenetico andirivieni dei padri apostolici nei frequenti concili così viene documentato dallo stesso autore: “A caterve i Clerici viaggiavano con la scusa dei Concili, a spese dello Stato, da una parte all’altra dell’Impero” (op. cit. XXI 16,18).
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.