TwitterFacebookGoogle+

La vera storia della foto simbolo del caso migranti che scuote gli Usa

La fotografia di un bambino in lacrime dentro una gabbia, simbolo delle proteste contro la decisione di Trump di separare le famiglie senza documenti ai confini statunitensi, risale in realtà a una protesta che si è tenuta dieci giorni prima a Dallas. L’immagine, scattata il 10 giugno, è stata diffusa in una versione ritagliata, che induce chi la osserva a pensare che il bambino ritratto sia veramente tenuto dentro un recinto.

This is what happens when a government believes people are “illegal.”

Kids in cages. pic.twitter.com/OAnvr9cl3P

— Jose Antonio Vargas (@joseiswriting) June 12, 2018

Vedendo la foto originale, pubblicata insieme ad altre che risalgono alla stessa manifestazione, è possibile osservare che la recinzione è solo un’installazione simbolica, dietro alla quale degli attivisti mostrano cartelli di protesta contro le politiche sui migranti della Casa Bianca. L’ampia diffusione dell’immagine segue l’attivazione delle nuove politiche sulle frontiere voluta da Trump, che ha portato almeno duemila bambini a essere separati al confine dalle proprie famiglie, come confermato alla Cnn dal dipartimento di Sicurezza interna del Paese. In seguito alle proteste che sono giunte numerose da tutto il mondo, Donald Trump ha infine deciso di firmare un ordine esecutivo grazie al quale le famiglie non saranno più separate al confine.

Leggi anche Sulle famiglie divise al confine ha vinto Melania Trump

Un ritaglio ardito, e un retweet da parte del giornalista e filmaker americano Jose Antonio Vargas con la scritta “Questo è quello che succede quando un governo pensa che le persone siano illegali”, hanno contribuito a regalare all’immagine milioni di condivisioni. Ma l’immagine, erroneamente attribuita a un centro di detenzione frontaliero dell’Immigration and Customs Enforcement (Ice), agenzia federale americana responsabile dei confini e dei migranti nel Paese, risale in realtà a una manifestazione organizzata in Texas da un’organizzazione per la protezione dei diritti dei latinoamericani negli Stati Uniti.

Nella foto, la cui reale origine è stata scoperta e denunciata dal sito specializzato nell’individuare false notizie Snopes, è possibile vedere i cartelli con i quali i manifestanti chiedono al governo “smettete di separare le famiglie”. In altre immagini provenienti dallo stesso evento è possibile vedere il bambino ritratto in lacrime mentre corre e si muove liberamente.

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.