TwitterFacebookGoogle+

Lagarde a giudizio, Fmi le conferma fiducia

Parigi – Il Fondo Monetario Internazionale, in una nota, ha “continuato a esprimere la sua fiducia nella capacita’ del direttore generale di portare avanti con efficacia i suoi incarichi”.
L’allora ministro dell’Economia Lagarde aveva deciso di affidare a un arbitrato, e non alla giustizia ordinaria, la risoluzione di una disputa tra la banca Credit Lyonnaise e il potente magnate Bernard Tapie, molto vicino all’ex presidente Nicolas Sarkozy. Secondo i magistrati transalpini, l’attuale numero uno del Fmi aveva cosi’ favorito l’imprenditore su pressione dello stesso inquilino dell’Esileo di allora. L’arbitrato si era concluso a favore di Tapie, consentendogli di incassare 403 milioni di euro a titolo di risarcimento per un presunto danno subito nel 1993, quando la banca acquisto’ la Adidas. Successivamente, la Corte d’Appello impose a Tapie di restituire la somma. Lagarde, nel frattempo, aveva dichiarato sotto giuramento di aver agito di propria iniziativa, il che ha di fatto consentito a Sarkozy di evitare ogni coinvolgimento. I guai legali di Lagarde non le avevano impedito di conquistare lo scorso febbraio un nuovo mandato alla guida dell’istituto di Washington, che le ha confermato la fiducia. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.