TwitterFacebookGoogle+

Latte: Coldiretti, a Udine "guerra quote" con mucche e trattori

(AGI) – Udine, 1 apr. – Ad un anno dalla fine delle quote che coincide con la scadenza dei contratti si e’ scatenata una nuova guerra del latte con migliaia di allevatori della Coldiretti che con trattori e mucche al seguito domani lasceranno le campagne per difendere il proprio lavoro, gli animali, le stalle, i prati ed i pascoli custoditi da generazioni. Gli allevatori italiani in rivolta si sono dati appuntamento a Udine domani sabato 2 aprile alle 9 di fronte al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Il Friuli e’ stato scelto perche’ porta di ingresso in Italia di centinaia di milioni di chili di latte stranieri, anche come trasformati e semilavorati industriali, che vengono spacciati con l’inganno come Made in Italy. Il risultato e’ che il prezzo per il latte riconosciuto agli allevatori della regione Fvg e’ il piu’ basso d’Italia. Alla manifestazione sara’ presente la pronipote della mucca ‘Onestina’, simbolo della battaglia per il Made in Italy degli allevatori che chiedono di continuare a mungere con un prezzo giusto ed onesto. Con gli allevatori il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e l intera giunta nazionale ma e’ previsto anche l’arrivo di importanti ospiti istituzionali. Nell’occasione sara’ presentato il Dossier ‘Quote latte, un anno dopo’ che fotografa la difficile situazione della fattoria Italia ma saranno anche smascherati gli inganni di cagliate e polveri che passano i confini per diventare mozzarelle e formaggi italiani e annunciate le ultime novita’ in arrivo dall’Unione Europea e offerti consigli per acquisti consapevoli. (AGI)
Ts1/Pgi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.