TwitterFacebookGoogle+

L’aureola offuscata di “san Bob” Geldof

hrfDI FRANCIS CARR BEGBIE –

theoccidentalobserver.net –

Nel 2013 a Bob Geldof è stato conferito il premio Freedom of the City of London per il suo straordinario contributo alla giustizia sociale internazionale e alla pace.

Stranamente non vi era alcuna menzione dei suoi impieghi come portavoce aziendale per il settore dei servizi finanziari, il che è un’omissione bizzarra.

Poiché all’epoca Geldof era alle prese con il lancio del suo hedge fund e dava sostegno a ciò che il Wall Street Journalha definito, “un’enorme spinta di equità privata in Africa,” Il Fondo 8 Miles di Geldof vanta un team distinto di consulenti, si concentra sugli investimenti in Africa, e ha attirato il sostegno di JP Morgan. In genere, evita domande imbarazzanti con una battuta, facendosi chiamare “puttana dell’equità privata “.

Ma il partner di Geldof in questa impresa non potrebbe essere più rispettabile. Il banchiere d’affari Mark Florman è un ex raccoglitore di fondi del partito conservatore, amministratore fiduciario della BBC e, quando non lavora per iniziative filantropiche, è impegnato a difendere la City di Londra dalla regolamentazione tramite l’altro suo ruolo come capo del British Private Equity e Venture Capital Association.

Con Geldof il divario tra immagine e realtà diventa sempre più grande. Lo scorso settembre Geldof ha affermato che avrebbe ospitato quattro famiglie di rifugiati e ha recitato in modo enfatico, come suo solito,

“Non sopporto quello che sta succedendo. Non sopporto ciò che fa a noi. … Dobbiamo avere la politica e l’umanità di fronteggiarlo. Mi fa star male e un concerto non lo permetterà. “

Si tratta di un tradimento mostruoso di ciò che siamo e ciò che vogliamo essere; ci troviamo in un momento che sarà discusso e avrà un impatto da qui a 300 anni.

Eppure, molti mesi dopo, non vi è ancora alcun segno di eventuali rifugiati in qualsiasi delle sue case, una situazione che ha portato a un commento molto diffuso.

Presumibilmente si aspetta che questi rifugiati siano pagati con le tasse di coloro che non possono permettersi elaborate aziende di evasione fiscale off-shore, come lui è solito fare. Geldof è notoriamente permaloso su questo tema e pone fine alle inchieste televisive lanciandosi nella solita ondata di imprecazioni scurrili. Quando gli si chiede delle sue disposizioni fiscali, dice: “Il mio tempo, non è una tassa? ” Un argomento curioso – non è raccomandato a chiunque si trovi a fronteggiare le autorità fiscali.

Come cittadino irlandese, egli ha il diritto di utilizzare la scappatoia dell’evasione fiscale del Regno Unito: lo status di contribuente “senza domicilio”. Questo consente alle persone con rapporti nominali d’oltremare di evitare legittimamente di pagare ingenti somme di imposta sugli utili esteri. Sfrutta anche società di elusione fiscale off-shore delle Isole Vergini Britanniche per assicurarsi che le sue due proprietà, un appartamento di residenza a Londra e un monastero dallo sviluppo architettonico irregolare del XII secolo a Faversham nel Kent, siano entrambi esenti da tasse di proprietà e di successione.

Così, a poco più di 30 anni dal Live Aid, qual è l’eredità di Bob Geldof? Grazie a lui molti nomi famosi della musica rock hanno scoperto che non c’era modo migliore per dare sostegno a una carriera in declino, che lo sviluppo di una preoccupazione improvvisa per le cause del Terzo Mondo. Il Live Aid ha fornito il modello per molte cose che vediamo intorno a noi oggi. Sia che si tratti dell’opera di carità di Bono, di Richard Gere, di Angelina Jolie o la fondazione del grande ente di beneficenza Comic Relief della BBC, tutto ha le sue radici nell’esempio pionieristico di Bob Geldof. Lo status di celebrità di queste persone li rende strumenti di propaganda molto efficaci a tutti gli effetti.

La mercificazione dell’umanitarismo della celebrità ha fatto molta strada negli ultimi trenta anni. Oggi le potenziali stelle con storie positive alle spalle sono identificate e istruite per il loro ruolo, più o meno allo stesso modo in cui lo sono i membri di una boy band. Un buon esempio è Malala Yousafzai, la quale è stata colpita da un proiettile sparato dai talebani mentre andava a scuola in Pakistan. Dopo il ricovero in ospedale in Inghilterra è diventata la ragazza da manifesto per l’educazione delle ragazze musulmane in Paesi del Terzo Mondo e ha generato il suo proprio marchio. Anche lei è stata nominata per il premio Nobel e ora è un personaggio milionario grazie alle vendite del libro, a compensi per parlare in pubblico, e alle apparizioni televisive.

Geldof ha anche aiutato l’industria dell’apertura dei confini a indossare il drappo della virtù e ha rafforzato enormemente la globalizzazione, agendo come foglia di fico delle attività aziendali per alcune delle organizzazioni più rapaci e degli individui più malfamati del pianeta.

Oggi la Gran Bretagna, colpita dall’austerità, sta utilizzando di più i proventi derivati dagli aiuti stranieri rispetto al passato – 12.2 miliardi di sterline all’ultimo conteggio. È più che probabile che questo sia in parte a causa del Live Aid. Ufficialmente il denaro è destinato a cause umanitarie, ma in realtà è stato speso per il trasferimento della popolazione in Europa e gran parte di questo denaro viene incanalato per ingrossare le fila delle ONG dubbie che stanno alimentando la crisi dei rifugiati.

Ancora più importante, grazie agli sforzi di decenni di programmi internazionali di soccorso della popolazione dell’Etiopia, aumentata rapidamente, così come quella di gran parte dell’Africa meridionale. E la lunga marcia verso l’apertura delle frontiere in Europa è iniziata per molti.

Quindi, forse, per valutare il vero e proprio successo di Sir Bob dobbiamo guardare il flusso di rifugiati verso l’Europa dall’Africa e in tutto il Mediterraneo. La vera eredità di Sir Bob può essere vista nei gommoni che arrivano ogni giorno sulle coste in Sicilia, nella baraccopoli di migranti di Calais e nei ghetti che stanno crescendo in tutta l’Europa.

Che viaggio lungo e strano è stato per Sir Bob. Era poco più di 30 anni fa, al concerto Live Aid per la carestia etiope che Geldof, a grandi passi, si è portato al centro della scena allo stadio di Wembley e si è pappato l’ondata di adulazione che comprendeva un pubblico televisivo globale, stimato in un miliardo di spettatori.

Ha insegnato a una generazione che tutto era possibile se c’era la volontà. Si sarebbe potuto trascendere i confini, la nazionalità, il colore della pelle e la religione e aiutare gli altri esseri umani. Mentre il resto del mondo guardava dall’altra parte e solo Geldof, a quanto pareva, era l’unico ad avere la visione morale di guardare oltre la burocrazia e i cavilli.

Aveva percorso una lunga strada, dalle sue radici a Dublino. Secondo Wikipedia, la nonna paterna di Geldof era ebrea e suo nonno, Zenon Geldof, era un immigrato belga e chef di hotel, il quale ha dato vita a un business considerevole.

Dopo il collegio ha trascorso diversi anni alla deriva e ha finito per diventare il frontman di una rock band. Armato di enorme fiducia in sé stesso, ha compreso che una mancanza di abilità musicale non era un ostacolo, fintanto che l’immagine fosse adeguata. Il fenomeno di marketing noto come “punk rock” è stato creato su misura per un tale millantatore incorreggibile e, per sua gioia, Geldof ha scoperto che ogni dichiarazione, non importa quanto stupida o infondata, viene premiata con acri di carta di giornale.È stata una scoperta che gli è tornata utile, e per un paio di anni i Boomtown Rats erano regolarmente in cima alle classifiche.

Ma mentre l’ascesa della band è stata veloce, la discesa si rivelata altrettanto rapida, e nel 1984 le hit si erano prosciugate e Geldof era in gravi difficoltà finanziarie. La band aveva dilapidato l’ultimo anticipo da parte della casa discografica senza però registrare un album. Dovevano affrontare una consistente imposta, come conseguenza di un sistema di elusione fiscale rivelatosi sbagliato.

Il 15 novembre 1984 la BBC TV ha trasmesso un’inchiesta appassionante riguardante la carestia in Etiopia. Questo pacchetto TV è stato girato splendidamente e gli scatti degli affamati bambini neri telegenici hanno toccato i cuori di tutto il mondo.

Mosso da tutto questo, Geldof ha chiamato un vecchio amico, il cantante degli Ultravox Midge Ure, e i due si sono incontrati per analizzare nel dettaglio i piani per un singolo di beneficenza a Langan’s Brasserie a Mayfair. Geldof era così al verde, Ure rammenta, che ha dovuto pagare il conto. Il resto è storia televisiva.
Ma fin dall’inizio ci sono stati dubbi sulla missione di Geldof e questi erano centrati sulla natura dello stesso disastro nel Corno d’Africa. Ci sono state tre componenti distinte per l’emergenza – la prima è stata una vera e propria carestia indotta dalla siccità e la seconda erano gli spostamenti di popolazione causati da una guerra civile. Ma la terza è stata interamente causata dallo stesso governo etiope. Questa è stata una politica di collettivizzazione di massa, che era in ogni modo brutale come quella effettuata da Stalin in Ucraina nel 1930. Questa politica ha portato a una massiccia perdita di vite umane e veniva forzatamente imposta dal governo marxista diretto da Mengistu Haile Mariam, il quale aveva guidato il governo etiope dal rovesciamento di Haile Selassie nel 1974.

È stata una situazione che ha portato alle divisioni nette tra le organizzazioni di aiuto. Alla fine, l’organizzazione di soccorso francese Médecins Sans Frontières se ne è andata, mentre il resto delle organizzazioni è rimasto in loco. Mentre le Ong rimaste in Etiopia hanno cominciato ad affrontare le critiche della stampa, Geldof è accorso in loro difesa. “Le organizzazioni che partecipano al programma di reinsediamento non dovrebbero essere criticate”, ha detto all’Irish Times il 4 novembre 1985. “Secondo me, abbiamo avuto modo di dare aiuto, senza preoccuparci dei trasferimenti di popolazione”.Alla domanda circa le stime che 100.000 persone erano morte durante i trasferimenti, ha risposto che “nel contesto (di una tale carestia),questi numeri per me non sono uno shock”.

Uno dei principali critici è stato un giornalista della rivista Spin, Bob Keating, il quale ha pubblicato un esposto sul modo in cui il regime stava usando i proventi degli aiuti occidentali per comprare armi e costringeva la popolazione in una collettivizzazione mortale.

Come ricordato dalla rivista Spin, quando ha ripubblicato la storia l’anno scorso, Keating aveva dipinto un ritratto devastante della realtà:

Keating ha riferito, in modo ancor più incriminante, che Geldof è stato avvertito più volte, fin dall’inizio, da diverse agenzie di soccorso sul campo riguardo a Mengistu, il quale smantellava le tribù e, senza pietà, conduceva marce di reinsediamento durante le quali sono morte 100.000 persone, e faceva macellare persone inermi. Secondo Médecins Sans Frontières, che ha implorato Geldof di non concedere i soldi fino a quando non ci sarebbe stata un’infrastruttura affidabile per farli avere alle vittime, li ha semplicemente ignorati, ha detto invece le parole famose: “Stringerò la mano al diavolo alla mia sinistra e alla mia a destra per raggiungere le persone che vogliamo aiutare.”

Nel libro Famine and Forced Relocations in Ethiopia 1984–1986, Laurence Binet ha curato la ristampa di un rapporto tratto da Le Monde del marzo 1986, nel quale si dichiarava:
Questi spostamenti di popolazione, secondo diversi testimoni, a volte hanno preso forma di marce forzate, a volte sono stati organizzati facendo uso di minacce e violenza fisica.

Il 18 giugno 1986, il Washington Post ha riferito che i soldati hanno ucciso i contadini che hanno tentato di scappare. Il giornale ha svolto una valutazione feroce da parte di un operatore umanitario di alto livello su un panel di discussione.

Il Dr Rony Brauman, presidente del gruppo di soccorso medico Médecins Sans Frontières francese, ha detto:

Queste istituzioni si rendono complici di genocidio. L’entità della carestia e le violazioni dei diritti umani in Etiopia possono essere paragonate solo a quelle dei Khmer rossi.

Geldof sembrava scrollarsi di dosso queste preoccupazioni. Senza la cooperazione del governo etiope non sarebbe potuto esserci alcun programma di carestia. E senza ciò non sarebbe potuto esserci alcun Live Aid.

L’atteggiamento di Geldof in questo momento ricorda forse quello di Walter Duranty, il famigerato corrispondente del New York Times. Nel 1930 a Duranty era stato dato accesso unico per l’Unione Sovietica e ha inviato rapporti elogiativi sulla rivoluzione bolscevica, che in qualche modo trascuravano di menzionare la morte per fame di milioni di persone. Chiudere un occhio è stata una mossa che è valsa la carriera di Duranty, il quale ha vinto un premio Pulitzer.

Ma è l’esperto di aiuti internazionali David Rieff a dimostrarsi il critico più tenace di Geldof. In un articolo del luglio 2005, nella rivista American Prospect, Rieff ha riferito che una delle conseguenze non intenzionali della raccolta di fondi del 1985 era la morte di forse fino a 100.000 persone.

In quell’articolo – rieditato nel Guardian– Rieff ha scritto:

La verità è che la politica di reinsediamento del Derg (regime etiope) – di trasferire 600.000 persone dal nord, facendo rispettare al contempo la “villaggizzazione” di tre milioni di persone – è stata almeno in parte una campagna militare, mascherata da sforzo umanitario. Ed è stata assistita dal denaro degli aiuti occidentali.

Anche se i patroni sovietici di Mengistu lo abbiano scongliato, il Derg, come François Jean di Médecins Sans Frontières (MSF) al tempo aveva messo in evidenza, ha scelto di impiegare “la terapia d’urto in modo radicale per trasformare la società rurale etiope”. Ma non si trova alcuna menzione di ciò in ogni resoconto ufficiale del Live Aid, nei discorsi di Bob Geldof o nel sito web di Oxfam. Il terrore della carestia in Etiopia era su una scala più piccola rispetto ai suoi predecessori sovietici e cinesi, e molti di coloro che sono morti in Etiopia a metà degli anni ‘80 non erano vittime della campagna del Dergue in senso diretto. Ma, come ha scritto François Jean, tutte e tre le carestie del terrore “procedevano dallo stesso approccio alla realtà … la stessa visione del futuro, lo stesso estremo impegno per la radicale trasformazione sociale”.

Le autorità hanno chiesto inizialmente di stilare una lista, su base volontaria, di 100.000 capi famiglia, come richiesto dal piano di reinsediamento. Pochi si sono fatti avanti. La risposta è stata rapida. Era iniziata una campagna sistematica di rastrellamenti attraverso le tre province prese di mira. Coloro che sono stati coinvolti in questi rastrellamenti, sono stati sia trasportati in elicottero a sud o trasferiti via terra, a volte in veicoli che le autorità avevano requisito dalle agenzie internazionali di soccorso. Il viaggio di solito durava cinque o sei giorni. Fino a oggi, nessuno sa quante persone sono morte lungo il percorso. La stima conservativa è 50.000 persone. La stima di MSF (Médecins Sans Frontières) è del doppio.

Vent’anni dopo il Live Aid, un’altra serie di concerti è stata inscenata in tutto il mondo. È stata chiamata Live8 ed è stata in gran parte cooptata da organizzazioni transnazionali. In una mossa coreografata con cura, la conferenza dei leader mondiali del G8 ha accettato di cancellare parte del debito africano e aumentare gli aiuti.

E il Live8 passò sotto le critiche, ma questa volta da parte di ex sostenitori, tra cui rappresentanti della sinistra, come l’ex DJ della BBC Andy Kershaw che era stato commentatore per il Live Aid originale. Per il Live8 ha affermato:

Vengo, a malincuore, alla conclusione che il Live8 ha molto a che vedere con la capacità sfoggiata da Geldof di dare di continuo ordini a presidenti e a primi ministri, sia nel sottolineare il potenziale dell’Africa. Infatti, Geldof non sembra essere interessato alla forza dell’Africa, ma solo in un’Africa in ginocchio.

… Geldof è un auto-nominato campione dei miseri e degli oppressi il quale viene, allo stesso tempo e incongruamente, incantato dai ricchi, dai potenti e da coloro con un importante status di celebrità.

Geldof è stato rapido a sfruttare il potenziale derivato da Brand Bob. Le sue aziende di produzione televisiva e Internet gli hanno valso milioni e gli imponevano di fare poco, solo prestare il suo nome. Tale è l’aura di virtù che lo circonda.

Il Live Aid ha reso Geldof un simbolo vivente dell’umanitarismo al fianco di Sua Altezza Reale, la Principessa Diana, il Dalai Lama e Madre Teresa. “San Bob” è stato consacrato con la voce scurrile della gioventù. Una generazione ha appreso, dal suo esempio, la sensazione deliziosa di ebbrezza derivata dal fare la lezione agli altri sui loro difetti morali.

Dal Live Aid in poi, Geldof è stato un ospite fisso nel circuito dell’umanitarismo del jet-set. ONG e aziende in fila per ricevere la sua benedizione, i dottorati e le nomination del premio Nobel sembrano non finire mai. Egli è molto richiesto nel prestare il suo nome alle celebrazioni della globalizzazione. Il tutto a un prezzo, ovviamente.

Per Geldof è tutto business, come ha scoperto nel 2008 un gruppo di organizzatori di beneficenza in Australia. Per tenere un discorso sulla povertà del Terzo Mondo, Bob Geldof ha chiesto 100.000 dollari australiani, i voli in prima classe, alloggi a Melbourne, e informazioni dettagliate sulla sicurezza. Gli organizzatori, pagati debitamente, lo hanno valutato in modo positivo. Altri oratori avevano partecipato allo stesso evento gratuitamente.

Per inciso, va notato che le richieste di Geldof impallidiscono in confronto alle esigenze di Hillary Clinton, l’altro crociato morale in nome degli oppressi. Le sue richieste per un discorso di 20 minuti: 225.000 dollari, jet privati, suite presidenziale in un hotel di prima classe, oltre a viaggi in business-class, hotel e cibo per un massimo di cinque membri dello staff. Fare bene facendo del bene.

Ma tornando a Geldof, il suo discorso in Australia è uno sguardo poco edificante alla realtà dietro l’immagine. Così come Michael Jackson, Geldof è troppo famoso per essere danneggiato da critiche, ma, negli ultimi tempi, l’aureola ha iniziato a offuscarsi.

Un recente episodio ha coinvolto un bizzarro scontro concernente le Pubbliche Relazioni marittime, che ha avuto luogo sul Tamigi tra le imbarcazioni a favore e quelle contro, durante il dibattito referendario riguardante l’Unione Europea. La flottiglia Brexit, guidata da Nigel Farage, consisteva in pescatori scozzesi, che protestavano per la distruzione del loro settore a causa delle quote dell’Unione Europea.

Questa è stata colta in un’imboscata da una nave enorme noleggiata da Geldof a favore del “Remain”. Armata di un enorme sistema audio ed equipaggiata di un gruppo beffardo di detriti del business della musica, PR intrallazzatori e vari relitti di lobbisti per le frontiere aperte, hanno riversato derisione sui loro avversari tute blu.

Erano guidati dalla figura beffarda di “San Bob” in persona, i lunghi, radi capelli grigi gli davano un certo aspetto biblico. Ha sottoposto i pescatori scozzesi a un diluvio di insulti scurrili e gesti osceni con le mani.Ci può essere alcun dubbio sul fatto che la “sinistra umanitaria” sia diventata un pilastro dell’establishment?

Dato che l’immagine del modo in cui l’élite metropolitana alla moda si preoccupa di più di nascondere il proprio disprezzo per i propri connazionali meno fortunati, essa potrebbe essere a malapena migliorata.

 

Francis Carr Begbie

Fonte: /www.theoccidentalobserver.net

Link: http://www.theoccidentalobserver.net/2016/07/the-tarnished-halo-of-saint-bob-geldof/

28.07.2016

 

Traduzione per www.comedonchisciotte a cura di NICKAL88

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16795

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.