TwitterFacebookGoogle+

L’Austria fa la guerra all’islam: moschee chiuse, espulsi imam

La Turchia protesta contro il Cancelliere d’Austria, Kurz: “Misura razzista”. Salvini appoggia Vienna: “Libertà di culto, ma basta estremismo”

Claudio Cartaldo – Ven, 08/06/2018 –
Non solo l’idea di aprire un campo profughi fuori dall’Ue per valutare le richieste d’asilo dei migranti.

L’Austria guidata da Sebastian Kurz, uno dei nuovi “alleati” di Matteo Salvini, si dimostra sempre più orientata a destra (in fondo, nella maggioranza c’è pur sempre l’Fpoe di Heinz Christian Strache). E ora ha deciso di dare il via a una vera e propria guerra all’islam politico.

Il giro di vite è stato annunciato dallo stesso Cancelliere austriaco. Vienna ha deciso di espellere “vari” imam e di chiudere ben 7 moschee. I predicatori che lasceranno Vienna sono tutti finanziati a vario titolo dall’estero. La decisione nasce da una inchiesta che riguarda uno scandalo che ha fatto molto discutere dalle parti austriache. In alcune foto, pubblicate dal settimanale di centro-sinistra Falter, mostravano una rievocazione storica della campagna di Gallipoli, scontro armato simbolo della potenza dell’impero Ottomano. Negli scatti si vedevano ragazzini in uniforme militare che marciavano, sventolavano bandiere e si fingevano morti con il drappo turco sui corpi. Quelle immagini erano state riprese dentro una delle più grandi moschee di Vienna, gestita dall’Unione islamico-turca d’Austria, una di quelle che sono legate alla comunità turca del capoluogo austriaco e alla Direzione turca degli Affari religiosi (Diyanet). “Società parallele, l’islam politico e la radicalizzazione non hanno posto nella nostra società”, ha detto Kurz senza esitazioni.

La reazione della Turchia
Sulla questione si è subito espressa anche la Turchia. Che ha definito la decisione dell’Austria “il risultato di un’ondata discriminatoria, populista, islamofoba e razzista”. Ibrahim Kalin, assistente e portavoce del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha detto attaccato Kurz sostenendo che il suo obiettivo è quello di ottenere “un dividendo politico, marginalizzando le comunità musulmane”.

Salvini appoggia Kurz
Un messaggio di approvazione all’iniziativa di Vienna è arrivato invece da Matteo Salvini. “Credo nella libertà di culto, non nell’estremismo religioso. Chi usa la propria fede per mettere a rischio la sicurezza di un Paese va allontanato! Spero già la prossima settimana di incontrare collega ministro austriaco per confrontarci su linee d’azione”, ha scritto il ministro dell’Interno su Twitter.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/laustria-fa-guerra-allislam-moschee-chiuse-espulsi-imam-1538075.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.