TwitterFacebookGoogle+

Le 10 tele più costose della storia (Salvator Mundi a parte)

Con 450,3 milioni di dollari, il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci è l’opera d’arte più costosa della storia. Meno di 20 minuti, rilanci da capogiro nella sede di Christie’s di New York e il dipinto è entrato a pieno diritto nella storia (delle aste).  E in un momento in cui i “vecchi maestri” arretrano spodestati dai nomi altisonanti dell’arte contemporanea. Come Willem De Kooning, ad esempio, il cui “Interchange” del 1955 ha detenuto fino alla scorsa notte il primato di opera più cara mai venduta (300 milioni di dollari). Ecco le 10 tele da record, Salvator Mundi a parte.

Interchange, (Willem De Kooning): Passato di mano nel 2015 in una transazione privata che si è tenuta a Chicago, l’opera del 1955 del pittore olandese Willem De Kooning è uno dei capolavori più apprezzati dell’arte astratta. La tela, che rappresenta un paesaggio, fu venduta per la prima volta nel 1955, appena terminata. L’acquirente, un architetto di Filadelfia, la pagò 4.000 dollari, che oggi equivalgono più o meno a 16mila dollari. Poi fu rivenduto altre due volte, fino all’acquisizione record del 2015.

Nafea Faa ipoipo?, (Paul Gauguin): Il titolo significa letteralmente: “Quando ti sposerai?”. Nel quadro sono raffigurate due donne polinesiane mentre riposano con abiti e pose diverse e la prospettiva è inesistente. La tela, che fa parte del periodo thaitiano dell’artista, è stato acquistato per la cifra di 300 milioni di dollari da un consorzio di musei del Qatar che l’hanno comprato dal collezionista svizzero Rudolf Staechelin. Questo ultimo vanta nel suo trust di famiglia una ventina di capolavori mozzafiato ereditati dall’omonimo nonno. Per quasi cinquant’anni è stato esposto al Kunstmuseum di Basile.

Donne di Algeri, (Pablo Picasso) – Nel maggio del 2015 nella sede di New York di Christie’s la tela del pittore spagnolo viene battuta all’asta per 179,4 milioni di dollari. Ad acquistarla, in soli 11 minuti, è un anonimo. L’opera, realizzata nel 1955, ritrae una scena in un harem in cui si vedono distintamente due donne.  La tela da parte di una serie di quindici dipinti numerosi schizzi e diverse litografie ispirati alle Donne di Algeri di Delacroix. E’ stata fino a ieri l’opera più costosa mai venduta a un’asta.

Nudo sdraiato, (Amedeo Modigliani): Conosciuta anche con il titolo francese “Nu Couché”, l’opera dell’artista italiano è ad oggi la terza più costosa mai battuta a un’asta. Il dipinto è appartenuto prima alla collezione Piero Feroldi quindi alla Collezione Mattioli per 66 anni finché, il 9 novembre 2015, il magnate cinese Liu Yiqian lo ha acquistato dopo 9 minuti e mezzo di gara in un’asta Christie’s a New York, al prezzo di 170,4 milioni di dollari.

Donna malata, (Willem de Kooning): L’opera è stata battuta all’asta alla cifra di 162,4 milioni di dollari. È stato David Geffen, il magnate dell’industria discografica e cinematografica di Hollywood, a venderla al miliardario Steven Cohen. Si tratta della terza opera di una serie di sei dipinte dall’espressionista astratto

N. 6 (Viola, verde e rosso), (Mark Rothko):  L’opera fu acquistata nel 2014 per 140 milioni di dollari dal miliardario russo Dmitry Rybolovlev. Rothko, il cui vero nome è Markus Rotkowičs è considerato un espressionista astratto. Quest’opera rientra nella serie rettangoli colorati. Rothko è rimasto un’artista semi sconosciuto fino al 1960.

Adele Bloch Bauer, (Gustav Klimt): La tela ha raggiunto i 158,4 milioni di dollari. E’ il primo di due dipinti omonimi e viene considerato come il più rappresentativo della sua «fase dorata». È stato comprato dal magnate dell’industria cosmetica Ronald Lauder che l’ha acquistato, alla cifra di 158,4 milioni di dollari, da Maria Altmann, ultima erede della famiglia Bloch-Baue.

I Tre studi di Lucian Freud, (Francis Bacon): E’ stato battuto all’asta per 145 milioni di dollari nel 2013. Il trittico ritrae l’amico e rivale di Bacon arroccato su una sedia di legno. L’opera venduta a New York è stata acquistata dall’ex regina di Las Vegas Elaine Pascale Wynn

L’urlo, (Edvard Munch) – Nel 2012 va all’asta di Sotheby’s a New York il capolavoro dell’artista norvegese. La vendita dura appena 12 minuti e termina con l’allora cifra record di 120 milioni di dollari. L’acquirente è un anonimo, mentre la tela, realizzata nel 1895 era l’unica delle quattro versioni ancora in mano a un privato: il norvegese Petter Olsen, il cui padre era amico e sostenitore di Munch.

​Untitled del 1982 (Jean Michel Basquiat) – A maggio del 2017 la casa d’aste Sotheby’s di New York mette in vendita il celebre dipinto di un teschio di Basquiat. Viene battuto alla cifra record di 110,5 milioni di dollari. Ad aggiudicarsi l’opera il miliardario giapponese Yasuku Maezawa.

 

 

 

 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.