TwitterFacebookGoogle+

Le 5 ipotesi per il rogo di Grenfell, si cercano ancora Gloria e Marco

Aggiornamento – Mentre infuriano le polemiche sullo stato di alcuni edifici di Londra, resta fermo a 12 il numero dei morti accertati nell’incendio del Grenfell di Londra. Lo riferisce la polizia londinese. Mentre i feriti ricoverati in ospedale sarebbero finora 34. di cui 18 gravi. Le autorità del distretto di Chelsea e Kensington hanno fatto sapere che nel condominio divorato dalle fiamme abitavano 500 persone e che si teme che il numero delle vittime aumenti.
Un agente immobiliare ha confermato al ministero degli Esteri  che all’interno della torre due appartamenti erano affittati a italiani, che risultano dispersi. Si tratta di Gloria Trevisan e Marco Gottardi, due giovani di 27 anni a Londra per lavoro. Abitavano al 23° piano del grattacielo. 

La testimonianza del padre di Marco

Il Corriere della Sera riporta l’ultima drammatica telefonata di Marco Gottardi al padre, effettuata all’alba di ieri dal grattacielo. “Siamo stati al telefono con i ragazzi sino all’ultimo istante – racconta Giannino Gottardi al giornale – cercava di minimizzare. Penso facesse così per tranquillizzare Gloria e anche mia moglie. Continuava a garantirci che i soccorsi stavano arrivando e che la situazione si poteva risolvere”. Alle 4.07 però la situazione è apparsa in tutta la sua gravità: “C’è stato l’ultimo drammatico contatto – dice il padre -. Il loro appartamento era invaso dal fumo, la situazione diventava d’emergenza”. Poi nulla più e la linea telefonica si è interrotta.

Quando è scoppiato l’incendio del Grenfell? 

l fuoco è scoppiato poco prima dell’una di notte, i vigili del fuoco di Londra hanno detto di essere stati chiamati alle 00.54. Secondo diversi testimoni, le fiamme sarebbero cominciate da una parte laterale della torre al secondo-quarto piano dell’edificio, prima di avvolgerlo completamente fino ai piani alti. Circa quaranta camion dei vigili del fuoco sono stati coinvolti nelle operazioni. (Guardian).  
 

Che cosa ha causato l’incendio?

La causa del fuoco è per adesso sconosciuta. I residenti ai cronisti accorsi sul luogo hanno parlato di un evento catastrofico e alcuni residenti hanno denunciato di aver più volte segnalato la pericolosità dell’edificio, che non avrebbe avuto le dovute misure anti incendio. Finora ci sono 5 ipotesi possibili sulle cause dell’incendio, ricostruite dal Telegraph. 
 
  • Una fuga di gas: alcuni abitanti parlano di lavori di restruttutrazione fatti recenemente sulle tubature che portano gas agli appartamenti. 
     
  • Frigo rotto: altri parlano di una famiglia che avrebbe lamentato il malfunzionamento di un frigorifero nelle ultime settimane. 
     
  • Problemi agli impianti elettrici: sarebbero stati evidenziati più volte dagli inquilini della torre problemi ai cavi di cablaggio. 
     
  • Rivestimento in zinco: altra ipotesi è che i recenti rivestimenti in zinco fatti in una operazione di ristrutturazione della palazzina avrebbero aiutato il diffondersi delle fiamme.
     
  • Mancanza di uscite di sicurezza: i residenti ricordano di aver protestato duramente di recente contro il rischio di incendi nell’edificio, un problema apparentemente causato da una ristrutturazione non compiuta secondo le norme un paio di anni fa, dove non sarebbero state previste sufficienti uscite di sicurezza.
 
Anche il consolato italiano a Londra ha fatto sapere di essere al lavoro per prestare assistenza. Secondo le ricostruzioni dei giornali, pur trattandosi di un quartiere bene di Londra, il palazzo sarebbe uno di quelli costruiti negli ultimi decenni per rispondere alle esigenze abitative della popolazione più povera londinese. Il sindaco di Londra Sadiq Kahn ha infatti detto che ‘I cittadini hanno bisogno di risposte su quanto accaduto’. 

#GrenfellTower: @ItalyinUK con consolato al lavoro per prestare ogni possibile assistenza. Segnalazione dispersi @metpoliceuk n:08000961233 pic.twitter.com/B4s0ScWPh7

— Italy in UK (@ItalyinUK) 14 giugno 20

Centinaia di pompieri hanno combattuto per portare via le persone dai loro appartamenti distrutti dalle fiamme nella Torre su Latimer Road, poco distante da Notting Hill. 

 

Come è nato l’incendio di Grenfell

Il rogo ha inghiottito rapidamente tutti i 24 piani dell’edificio. Quasi dieci ore dopo stava ancora bruciando e un fitto strato di fumo scuro era visibile in tutta la capitale. 

There have been “a number of fatalities” in the #GrenfellTower fire, but cause not yet known, fire chief sayshttps://t.co/CLEIhCCOYn

— BBC Breaking News (@BBCBreaking) 14 giugno 2017

Poco prima delle 8 del mattino, il comandante dei vigili del fuoco di Londra, Dany Cotton, ha confermato che erano c’è “un certo numero di morti” e che si è trattato di un incendio “senza precedenti”. “Sono nei pompieri da 29 anni” ha detto, “e non avevo mai visto nulla di simile”.
Una testimone ha riferito di aver visto una donna lanciare un bambino da una finestra dell’edificio in fiamme

Just spoke to a woman that she saw a mother throw her baby out of the window. This is horrific #grenfellfire

— AssedBaig (@AssedBaig) 14 giugno 2017

Ultimo aggiornamento giovedì 15 febbraio, ore 8.00

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.