TwitterFacebookGoogle+

Le borse europee in forte rialzo, spinte dall'ottimismo per la Grecia

(AGI) – Roma, 22 giu. – Avvio in forte rialzo per le borse europee. Sui mercati prevale l’ottimismo in vista del summit di emergenza che si svolgera’ tra poche ore nel corso del quale potrebbe essere raggiunto l’accordo sulla Grecia. Atene ha presentato infatti una proposta dell’ultimo minuto che e’ stata giudicata dalla Commissione europea “una buona base” di discussione. Il Dax 30 di Francoforte sale del 2,57% a 11.321,35 punti nei primi scambi, l’indice Ftse 100 di Londra guadagna l’1,1% a 6784,73 punti e il Cac 40 di Parigi cresce del 2,39% a 4.930,73 punti. A Milano l’Ftse Mib avanza dell’1,87% e 23.131 punti.

Borsa Tokyo: chiude in rialzo, Nikkei +1,26% La borsa di Tokyo chiude in rialzo sulla scia delle attese di una svolta positiva nei negoziati tra la Grecia e i suoi creditori. L’indice Nikkei archivia la seduta in rialzo dell’1,26% a 20.428,19 punti. Il piu’ generale indice Topix guadagna l’1,08% a 1.648,61 punti.
Titoli Stato: spread Btp/Bund apre in deciso calo a 136 punti Avvio in deciso calo per lo spread tra Btp e Bund tedeschi. Il differenziale si attesta a 136 punti contro i 154 della chiusura di venerdi’. Ad alimentare l’ottimismo sui mercati e’ l’aspettativa di una svolta nelle trattative tra la Grecia e i creditori internazionali che potrebbe portare a un accordo nel summit di oggi. Il rendimento del decennale e’ al 2,17%.

Euro: apre in rialzo a 1,1393 dollari, fiducia su Grecia L’euro apre in rialzo sulla scia dell’ottimismo alimentato dalle attese di una svolta positiva nella crisi greca. Tra poche ore si svolgera’ un summit di emergenza che potrebbe essere decisivo. La moneta unica passa di mano a 1,1393 dollari e a 139,90 yen. Dollaro/yen a 122,79.

Petrolio: prezzi in lieve rialzo sui mercati asiatici Prezzi del petrolio in lieve rialzo sui mercati asiatici. I contratti sul Wti con scadenza a luglio guadagnano cinque centesimi a 59,66 dollari al barile mentre quelli sul Brent del mare del Nord, con scadenza ad agosto, crescono di tre centesimi a 63,05 dollari al barile. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.