TwitterFacebookGoogle+

Le due vie per anticipare il Congresso Pd: dimissioni o sfiducia

Nel Pd infuria il dibattito sulla necessità o meno che il partito vada a Congresso, ma le cose non sono così facili come sembrano. L’Unità fa il punto sulla situazione spulciano lo statuto approvato el 2009 e modificato nel 2015 e scopre che per aprire le porte del Congresso servirebbero un paio di passi non proprio scontati: le dimissioni del segretario Matteo Renzi o una sfiducia nei suoi confronti da parte dell’Assemblea, la stessa che ha approvato la sua ultima relazione, il 18 dicembre, con 481 voti favorevoli e solo due contrari.

E’ l’articolo 5 dello Statuto a stabilire le regole del Congresso che, come le primarie, deve essere convocato ogni quattro anni. Calendario alla mano, il prossimo dovrebbe essere per autunno, visto che l’ultimo appuntamento è stato tra settembre e dicembre del 203. C’è tutto il tempo per decidere, visto che, sempre secondo le regole, il Congresso deve essere convocato entro l’8 giugno.


Cosa dice l’articolo 5 dello statuto del Pd

1. I mandati di Segretario nazionale del Partito e di componente della Assemblea nazionale durano quattro anni.

2. Il Presidente dell’Assemblea nazionale indice l’elezione dell’Assemblea e del Segretario nazionali sei mesi prima della scadenza del mandato del Segretario in carica. Quando ricorrano i casi di scioglimento anticipato dell’Assemblea previsti dall’articolo 3, comma 2, e dall’articolo 4, comma 7, il Presidente dell’Assemblea nazionale indice l’elezione entro i quattro mesi successivi.


Ci sono però delle eccezioni e riguardano i casi in cui il segretario si dimetta – è accaduto con Walter Veltroni e Pierluigi Bersani – o venga sfiduciato dall’assemblea. Quest’ultima è una procedura lunga e complessa, che prevede di raccogliere almeno 200 firme all’interno del ‘Parlamentino’ del Pd. La terza via è quella della frattura tra la Segreteria e la Direzione o l’Assemblea. Nel caso in cui mozioni approvate da questi due organi fossero contestate dal Segretario, questi potrebbe scegliere di lasciare l’incarico. Ma cosa succederebbe a quel punto? Il partito non sarebbe tenuto  a convocare un Congresso, vista la vicinanza con la scadenza naturale, e affidare la guida a un interim come fu nel caso di Guglielmo Epifani nel periodo tra le dimissioni di Bersani e il Congresso del 2013. 

Per approfondire:

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.