TwitterFacebookGoogle+

Le europee musulmane che lasciano l’Europa per sposare un jihadista

jihadiste-Redazione– Sono sostenitrici di Al Qaeda, pronte ad immolarsi per il Califfato ma soprattutto attirate dalla prospettiva di un “matrimonio jihadista”: è il ritratto delle volontarie musulmane europee entrate nei ranghi dello Stato Islamico (Isis) provenendo anzitutto da Francia, Gran Bretagna e Germania.

 E’ il “Centre for the Study of Radicalisation” al “Kings College” di Londra a rendere pubblica una descrizione del “contingente femminile” dei jihadisti europei giunti in Siria ed Iraq per battersi a fianco del “Califfo Ibrahim” ovvero Abu Bakr al-Baghdadi.  

Costituiscono circa il 10 per cento dei terroristi europei dentro Isis: in maggioranza sono francesi (63), seguite da britanniche (50) e tedesche (40).

Ad accomunarle sono i motivi che le spingono a partire, anche a 14 o 15 anni di età, spesso in disaccordo con le rispettive famiglie. Quello più frequente è il “matrimonio jihadista” ovvero il sogno di incontrare al fronte un miliziano del Califfo con cui unirsi ed avere dei figli da portare in grembo dopo il suo possibile martirio.  

Louis Caprioli, ex capo dell’Agenzia di sicurezza francese per la sorveglianza del territorio, afferma che “si tratta di donne convinte che sposando un futuro martire della Jihad hanno un futuro assicurato, per loro ed i loro figli che continueranno a battersi per l’Islam”.

Vi sono poi le ragazze più motivate ideologicamente, come nel caso dell’austriaca Samra Kesinovic, 16 anni, che imbrattava i muri della scuola con scritte inneggianti ad Al Qaeda ed anche bambine di 13 anni, adescate online, come avvenuto in Germania.  

 

Share Button

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.