TwitterFacebookGoogle+

Le storie di Gessica Notaro e di altre 6 donne sfregiate con l'acido

Roma – Donne che non si riconoscono più allo specchio, ecco cosa succede a chi viene sfregiata con l’acido. Ecco sei storie di sei donne che hanno subito questo tipo di violenza, partendo da Gessica Notaro, l’ex reginetta di bellezza che il 10 gennaio viene sfigurata dall’ex compagno.

Gessica Notaro ha 28 anni e da qualche mese ha rotto con il suo fidanzato, un 29enne originario di Capo Verde. Il 10 gennaio sul suo volto viene gettata una sostanza acida durante un’aggressione sotto casa. Tra i maggiori sospettati c’è proprio l’ex compagno, che durante la scorsa estate ha ricevuto un avviso dalla Questura dopo essere stato accusato di stalking dalla ragazza. Gessica, originaria di Rimini, nel 2007 ha partecipato a Miss Italia dopo essere stata incoronata Miss Romagna. Ora rischia di perdere la vista per le gravi ustioni agli occhi causate dall’acido.

La vita di Reshma Qureshi cambia a maggio 2014. All’età di 17 anni è sfigurata al volto da un gruppo gruppo di uomini, tra cui suo cognato, mentre cammina insieme alla sorella Gulshan nel villaggio di Allahabad, nell’Uttar Pradesh. L’uomo era stato allontanato dalla sorella di Reshma a causa di episodi di violenza. Ora è il volto della campagna #EndAcidSale promossa dall’associazione non governativa di Mumbai Make Love not Scars e sfila come modella a New York. 

Lucia Annibali il 16 aprile del 2013, intorno alle 21.30 viene aggredita sul pianerottolo di casa da un uomo incappucciato che le getta addosso dell’acido solforico. Lucia, che è un avvocato di Urbino e quando è stata aggredita aveva 35 anni, subisce lesioni al collo e al viso e rischia di perdere la vista. Da quel 16 aprile subisce diversi interventi chirurgici di ricostruzione. Luca Varani, ex fidanzato di Lucia e anche lui avvocato di Pesaro, è il mandante dell’aggressione. Il 29 maggio 2014 viene condannato in primo grado a 20 anni di carcere, mentre i suoi complici, entrambi di origine albanese, a 14.

La sorte è stata più benevola con Domenica Foti, addetta alle pulizia dell’ospedale Galliera di Genova che il il 12 agosto 2012 è aggredita e sfregiata con l’acido dal marito. La donna, 46 anni,  per fortuna non riporta lesioni permanenti e il movente dell’aggressione è passionale. Domenica aveva lasciato il marito per andare a vivere con il nuovo compagno. L’uomo viene incastrato dalle telecamere del circuito di sicurezza dell’ospedale.

Kate Piper era una giovane modella e una promettente conduttrice televisiva, ma 7 anni fa la sua vita è cambiata. Il suo ex fidanzato, David Lynch, geloso, fanatico e violento, non contento di averla picchiata e violentata, le getta addosso dell’acido provocandole ustioni di terzo grado. L’acido colpisce Kate sulle mani, braccia, collo, petto, viso. Oggi la ragazza ha 32 anni ed è cieca all’occhio sinistro, ma è tornata a lavorare e conduce un programma tv.  Nel corso degli anni ha subito 110 operazioni chirurgiche.

Maria Chiara Tonelli, 25 anni di Trento, il 27 gennaio 2008 viene ustionata al viso con l’acido dal marito geloso, Youssef Merzak un marocchino che aveva già cercato di investirla con l’auto. I segni delle ustioni al volto di Maria Chiara sono ancora evidenti. Prima di essere sfregiata la donna era stata picchiata e violentata e per bloccarla il marito le aveva legato mani e piedi con il nastro adesivo. 

Sono passati 16 anni dalla sera del 23 febbraio 2001, quando, mentre usciva dal suo turno di lavoro dall’ospedale di Merano, la cardiologa trentina Lucia Cainelli viene aggredita da uno sconosciuto e le viene lanciato addosso un forte quantitativo di acido. Ancora non si conosce l’autore dell’aggressione. 

Per approfondire:

Kate Piper

Reshma Qureshi

 
 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.