TwitterFacebookGoogle+

L'economia cinese cresce ma gli analisti sono cauti. Come leggere i nuovi dati

Cauto ottimismo sull’economia di Pechino, da cui sono attesi domani i dati della crescita del primo trimestre 2018, segnato nell’ultima parte dalle forti tensioni commerciali con gli Stati Uniti.

Le attese degli analisti Bloomberg sono per una crescita al 6,8% per i primi tre mesi dell’anno, in linea con i risultati dei due trimestri precedenti, e l’ottimismo sui numeri dei primi tre mesi dell’anno è condiviso anche dal governatore della banca centrale cinese, Yi Gang: i risultati dovrebbero essere un po’ meglio delle previsioni, ha dichiarato il capo della politica monetaria cinese a un forum che si è tenuto a Pechino settimana scorsa. 

Per domani, martedì 17 aprile, alle dieci del mattino, le quattro del mattino in Italia, sono attesi dall’Ufficio Nazionale di Statistica anche i dati su investimenti fissi, vendite al dettaglio e produzione industriale per il mese scorso. L’obiettivo di crescita per il 2018 fissato il mese scorso dal primo ministro, Li Keqiang, rimane identico a quello dello scorso anno, “attorno al 6,5%”, ampiamente superato a fine 2017, con una crescita del 6,9%.

L’ottimismo delle previsioni è stato parzialmente oscurato dagli ultimi dati sul commercio, pubblicati venerdiì scorso. Nel mese di marzo, la bilancia commerciale di Pechino ha segnato un deficit commerciale di 4,98 miliardi di dollari, contro un’aspettativa che dava invece in crescita il surplus di Pechino per oltre 27 miliardi: le esportazioni sono calate del 2,7%, contro un’aspettativa di crescita del 10%, mentre le importazioni sono cresciute del 14,4%.

Quello del mese scorso è stato il primo deficit commerciale da febbraio 2017, anche se per molti è ancora presto per parlare di un’inversione di tendenza. Nel primo trimestre, le esportazioni verso gli Usa sono cresciute del 14,8%, nonostante un calo del 5,6% a marzo; le importazioni dagli Stati Uniti sono cresciute dell’8,9% nei primi tre mesi del 2018, e del 3,2% il mese scorso, con il risultato di ridurre il surplus commerciale con gli Stati Uniti a 15,43 miliardi di dollari, contro i 20,9 miliardi di febbraio 2018.

Le esportazioni sono state lo scorso anno una delle voci che ha maggiormente contribuito al risultato finale della crescita, ma per quest’anno, le tensioni commerciali con Washington potrebbero complicare la situazione, soprattutto nel settore dell’alta tecnologia, nel mirino dei dazi proposti dagli Usa, nonostante gli ultimi messaggi del presidente, Donald Trump, lascino intravedere una possibile distensione con Pechino. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.