TwitterFacebookGoogle+

L'esperto, nessun 'triangolo dell'Appennino'

Roma – Non esiste nessun triangolo maledetto sull’Appennino nelle aree al confine tra Umbria, Molise, Lazio e Abruzzo. E se il sisma che ha devastato la scorsa notte il reatino arriva a soli 7 anni di distanza da quello devastante dell’Aquila è solo un caso. Lo assicura all’Agi Fabio Tortorici, presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio nazionale dei geologi, secondo il quale “la natura non si è accanita in quella zona. Tutto l’Appennino è sensibile agli eventi sismici. E proprio per questo elevato rischio sarebbe necessaria una maggiore prevenzione”.

Secondo le nuove stringenti normative tecniche approvate nel 2009, le nuove costruzioni devono essere a prova di terremoto, ma per tutte quelle antecedenti bisognerebbe intervenire con interventi tecnici mirati”. Perchè è certo – aggiunge Tortorici – che i terremoti si verificheranno. “Non è possibile prevederli, ma secondo la statistica ogni 15 anni in media si verifica un sisma di magnitudo superiore a 6”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.