TwitterFacebookGoogle+

“L’ha fatta partorire un uomo”. E il marito saudita spara al medico

Orrore in un ospedale di Riyad. A un mese dal parto, l’uomo chiede al medico di vedersi e gli spara.

Ha sparato al medico che ha assistito la moglie durante il parto all’ospedale King Fahad Medical City di Riyad.

L’uomo, un saudita, avrebbe voluto punire il ginecologo perché maschio. “Avrebbe dovuto essere una dottoressa ad aiutare mia moglie durante il travaglio, e non un uomo”, si è giustificato al momento dell’arresto.

Come racconta il Gulf News, il padre del bambino nato ad aprile ha contattato il ginecologo Muhannad Al Zabn con la scusa di volerlo ringraziare per il lavoro svolto e per la professionalità dimostrata. Gli ha, quindi, chiesto di incontrarsi. Nel giardino dell’ospedale King Fahad Medical City il saudita ha detto al medico di essere rimasto soddisfatto dell’intervento durante il parto. Poi, dal nulla, ha estratta la pistola e ha sparato. Il medico è rimasto gravemente ferito. Dopo lo sparo è scappato ma i poliziotti sono riusciti ad arrestarlo. “Muhannad Al Zabn è stato ricoverato d’urgenza in terapia intensiva – fanno sapere dall’ospedale – ma ora le sue condizioni sono stabili”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.