TwitterFacebookGoogle+

Libano: al via muro intorno campo profughi Ain al Hilweh

Beirut – Le autorità libanesi hanno dato ufficialmente il via alla costruzione di un muro alto circa 4 metri attorno ad Ain al Hilweh, il più grande campo di profughi palestinesi di tutto il Libano (ospita più di 120.000 persone, aumentate dall’inizio della guerra in Siria), situato nel distretto di Sidone, nel sud del paese.

Il muro, secondo il quotidiano locale online al Modon, dovrebbe essere completato nei prossimi 15 mesi. La sua costruzione è risultato di un accordo tra le varie fazioni armate palestinesi all’interno del campo e le autorità libanesi, che ha l’obiettivo di “contenere” all’interno di Ain al Hilweh i frequenti scontri armati tra esercito libanese e fazioni armate palestinesi.

“Verranno costruite anche quattro torri di osservazione sul perimetro del muro”, ha aggiunto Abu Ahmad Faysal, un esponente di Hamas all’interno del campo, intervistato dal quotidiano locale Daily star. “La costruzione del muro mira a porre un freno alle schermaglie tra gli abitanti del campo e l’esercito”. Nonostante l’approvazione del progetto da parte delle leadership palestinesi, sui social si è scatenata la protesta di molti palestinesi, che temono un peggioramento delle già precarie condizioni di vita degli abitanti del campo. Molti – specialmente coloro che vivono nella zona sud del campo, che vedranno costruito il muro a pochi metri dalle loro abitazioni – hanno ribattezzato il progetto “il muro della vergogna”, con vari riferimenti a misure intraprese nei confronti dei palestinesi da Israele. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.